Red Dead Redemption

Il professore di storia Tore Olsson sta combinando il suo amore per la storia e il suo amore per i videogiochi in un nuovo corso di storia presso l’Università del Tennessee dal titolo “HIUS 383: Red Dead America”. La classe utilizzerà sia Red Dead Redemption che il suo sequel come punti di partenza per esplorare il periodo 1899-1911 della storia americana.

In un thread di Twitter che spiega cosa tratterà il programma della classe, Olsson ammette che, presi da soli, i giochi sono “spesso storicamente imprecisi”, ma forniscono comunque buoni punti di partenza per la discussione di numerose questioni storiche tra cui il colonialismo, il razzismo e l’ascesa del capitalismo monopolistico.

Olsson ha accreditato il collega storico Jonathan S. Jones per averlo ispirato a sviluppare la classe, dopo che Jones ha scritto un servizio per Slate che esamina come Red Dead Redemption 2 descrive e consente ai giocatori di interagire con il passato razzista degli Stati Uniti.

Olsson dice che il corso non richiederà il possesso del gioco su PC o console, anche se si presume che la maggior parte degli studenti abbia già giocato al gioco.

In un successivo tweet, spiega che spera che la gestione non ortodossa della storia aiuterà ad attrarre studenti.

Olsson spera anche che la sua classe ispirerà altri professori a pensare a lezioni orientate al gioco che attireranno di più i giovani studenti di quanto potrebbe fare un programma tradizionale.

I giocatori che hanno la fortuna di frequentare l’Università del Tennesee Knoxville potranno seguire il corso ad agosto, mentre il resto di noi dovrà solo sperare che Olsson rilasci il programma online per quelli di noi che vogliono seguirlo da casa.

Di Giuseppe "Siral" De Luca

Spazia in tutti i campi dell'universo nerd: videogiochi, comics, manga, serie tv, board game, GDR senza tralasciare una vera e propria ossessione per il calcio (e il fantacalcio) e altri sport in maniera minore. Cosplayer a tempo perso, talvolta si ricorda anche di lavorare e molto più raramente di dormire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *