Monster Hunter Rise

I giocatori di tutta Europa potranno unirsi alla caccia in grande stile il 26 marzo, quando verranno lanciati una Nintendo Switch edizione speciale ed un Nintendo Switch Pro Controller, sempre edizione speciale, insieme a Monster Hunter Rise, ultimo episodio dell’acclamata serie di giochi di ruolo d’azione di Capcom per Nintendo Switch e Nintendo Switch Lite

Questa Nintendo Switch in edizione speciale presenta un’immagine di Magnamalo, iconico mostro del gioco, sul dock, insieme ad altri evocativi design a tema Monster Hunter Rise che adornano la console ed entrambi i controller Joy-Con. Inoltre viene fornita in bundle con un codice download per Monster Hunter Rise più il Kit Deluxe DLC Pack  e contenuti bonus. Il Nintendo Switch Pro Controller in edizione speciale  è venduto separatamente e presenta anch’esso un’iconica immagine di Magnamalo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una demo gratuita del gioco è disponibile sul Nintendo eShop fino al 31 gennaio. I giocatori possono affrontare quattro diverse missioni, imparare a utilizzare le nuove caratteristiche dell’insetto filo e delle cavalcature Wyvern e padroneggiare i 14 diversi tipi di armi del nuovo titolo del franchise. Due delle missioni possono essere affrontate con altri giocatori in co-op locale o online.

MONSTER HUNTER RISE è l’ultimo capitolo dell’acclamata serie Monster Hunter di Capcom, in arrivo per Nintendo Switch il 26 marzo 2021. I giocatori europei potranno unirsi alla caccia con stile grazie alla Nintendo Switch edizione speciale, fornita in bundle con un codice di download del gioco più il Kit Deluxe DLC Pack e contenuti bonus, e il Nintendo Switch Pro Controller edizione speciale, venduti separatamente. Entrambi verranno lanciati insieme al gioco il 26 marzo.

Di Giuseppe "Siral" De Luca

Spazia in tutti i campi dell'universo nerd: videogiochi, comics, manga, serie tv, board game, GDR senza tralasciare una vera e propria ossessione per il calcio (e il fantacalcio) e altri sport in maniera minore. Cosplayer a tempo perso, talvolta si ricorda anche di lavorare e molto più raramente di dormire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *