Mortal Kombat 11 Ultimate – Recensione

0

NetherRealm Studios continua il suo epico viaggio in compagnia di fatality, personaggi iconici e molto altro ancora in Mortal Kombat 11 Ultimate

ENTRIAMO NEL MONDO NEXT-GEN

La next-gen è ormai giunta nelle case di molti appassionati da quasi un mese e le case di sviluppo, complice il naturale passaggio di testimone tra una console e l’altra, stanno continuando a pubblicare titoli che possano sfruttare un minimo il “futuro” assetto presentato da PlayStation 5 e Xbox Series X senza però dimenticare i genitori più vecchiotti.

A questa serie di prodotti si aggiunge Mortal Kombat 11 Ultimate, un prodotto immaginato da Ed Boon e NetherRealm Studios come un prodotto completo, tutti i personaggi usciti finora più la storyline Aftermath, l’ennesima scusa di recuperare un gioco in caso non lo si abbia nella propria collezione (e che noi abbiamo già coperto in passato)

Oltre alla ricchezza del pacchetto, come se già non bastasse da sola, gli sviluppatori hanno aggiunto diverse caratteristiche tecniche piuttosto pregevoli, capaci di cambiare lievemente il gameplay, supportando per la maggiore anche il cross-play.

Praticamente NetherRealm ha finalmente deciso di supportare le volontà di molti giocatori, offrendo anche per le partite multigiocatore competitive la possibilità, fantastica, di personalizzare le varianti di mosse utilizzabili dai personaggi utilizzati, senza dover necessariamente scegliere tra le tre disponibili impostate dal gioco in automatico.

Potrebbe sembrare una sciocchezza, almeno sulla carta, ma la libertà di scegliere un possibile loadout per il proprio lottatore preferito garantisce, in primis, una diversificazione degli scontri, accompagnata dall’effettiva occasione di sfruttare al meglio il proprio stile di gioco.

Grazie a questi piccoli cambiamenti l’esito dei combattimenti non sarà più tanto certo e, probabilmente, bisognerà nuovamente lavorare alacremente al fine di scongiurare l’utilizzo di nuove combo letali, che comunque saranno monitorate dagli sviluppatori al fine di evitare situazioni spiacevoli.

Al netto di quanto potremmo mai scrivervi anche nello specifico, la rosa delle combinazioni possibili si allarga tanto quanto il numero di personaggi presenti nel roster di gioco, che da oggi in poi contano anche tre nuove aggiunte piuttosto goliardiche: i primi due appartengono al franchise da tempo immemore, come il ninja Rain e la terrificante Mileena, mentre l’ultimo sfrutta nuovamente il volto iconico di un personaggio cinematografico planetario, ovvero quello di Sylvester Stallone nei panni di Rambo.

Il moveset di questi incredibili character si fa apprezzare per l’ottima varietà a livello di approccio. Rain è un personaggio davvero versatile, capace di sfruttare maggiormente le sue abilità in combinazione con discreti movimenti a terra, che gli permettono di gestire meglio il combattimento a distanza.

Mileena è uno dei personaggi più amati del franchise, tra l’altro richiestissimo tramite i canali ufficiali dai fan di vecchia data, che da tempo volevano vederla nel roster accanto a Jade e Kitana. Quest’ultima gode di un ottimo rapporto di attacco tra la corta e la lunga distanza, anche se la sua letalità si manifesta maggiormente nelle combo aeree, una vera spina nel fianco per chi non conosce perfettamente il personaggio.

Infine, per quanto riguarda Rambo, c’è davvero poco da aggiungere alla fatidica domanda “ma è doppiato da Sly?”.

Nella versione inglese si, ovviamente.

Ma questa incarnazione videoludica del personaggio vi resterà impressa anche per lo splendido moveset scelto, capace di alternare mosse corpo a corpo davvero letali, accompagnate da combo con l’arco letali sulla distanza dato che alcune di queste non utilizzano l’indicatore di attacco.

Tecnicamente parlando Mortal Kombat 11 Ultimate splende non tanto per la grafica, che comunque riesce un minimo a sfruttare meglio gli arrangiamenti del caso grazie alle nuove console (noi lo abbiamo provato su Series X), presentandosi con una fluidità pazzesca e un netcode per i combattimenti online sempre sul pezzo.

Un esempio da seguire attentamente, soprattutto quando si parla di competitivo online per i picchiaduro più famosi.

8.5 FATALITY!

Sebbene sia un po’ restio ad accettare senza remore queste versioni complete, ultimate, definitive o come vengono chiamate, devo ammettere che il lavoro svolto da NetherRealm Studios per Mortal Kombat 11 Ultimate si è rivelato comunque pregevole. Il solito consiglio per l’acquisto va a tutti quelli che, stranamente, fino a oggi non abbiano mai provato l’undicesimo capitolo di questo franchise immortale.

Per gli altri, godetevi il gioco così com’è e magari compratevi il Kombat Pack con Rambo!

  • User Ratings (0 Votes) 0
Share.

About Author

Giocatore onnivoro. Amante dei boardgame anche se non vince mai. Un amore smisurato per il cinema. Insomma, ho tutte le malattie di questo mondo. Con tanta dedizione, ed un po di culo, sono riuscito a farlo diventare il mio lavoro. Qui però posso sproloquiare alla grande.

Parlane con Playcorner!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: