Football Manager 2021 (Beta Version) – Recensione

0

In un periodo in cui il mondo videoludico è pieno di rinvii, Football Manager 2021 rappresenta una solida certezza, riuscendo ad essere disponibile nel suo arco temporale preferito, ossia il mese di Novembre e dando la possibilità, come ogni anno ormai da tempi immemori, a noi allenatori virtuali di mettere in pratica le nostre idee che quasi mai corrispondono con quelle del reale allenatore della nostra squadra del cuore oppure provare qualche folle risalita con una “nobile decaduta”.

L’IMPRESA PIU’ DIFFICILE

Football Manager 2021, come tutti i suoi predecessori, deve riuscire nell’impresa più difficile, ossia quella di migliorare sempre per convincere i giocatori ad acquistare la nuova versione annuale, ma a differenza di altri titoli sportivi come Fifa e PES, Football Manager non ha rivali che spingono la competizione in alto e quindi risulta ancor più arduo fare la gara solo con sè stessi.

Partiamo quindi subito dalle novità di questo Football Manager 2021. La prima, e più evidente, è l’interazione praticamente giornaliera con tutto quello che ruota intorno al mondo del calcio, a partire dai giocatori per finire ai giornalisti. Se la possibilità di avere delle amabili chiacchierate con tutti questi interlocutori è presente da tempo, mai come in questa edizione sarà possibile avere un rapporto quasi reale, al limite della simulazione stile “slice of life“.

Infatti abbiamo la possibilità di lodare o criticare i calciatori che si distinguono in allenamento, rispondere a telefonate scomode di giornalisti che  cercheranno sempre di provocarci per avere una reazione da dare in pasto ai titoli di giornale o comunque comunicare con il nostro staff per cercare di risolvere i problemi che affliggono la nostra squadra.

Il punto più alto di questa “revisione” della comunicazione è sicuramente negli spogliatoi, nei discorsi pre, durante e post partita. Mentre in passato si poteva decidere con quale tono parlare ai nostri giocatori, ora possiamo trasformarci in novelli Antonio Conte e lanciare in aria bottigliette o sbattere i pugni per far capire che le cose non stanno andando come devono andare.

La combinazione di gesti e parole susciteranno quasi sempre una certa reazione nei nostri calciatori che influenzerà in maniera più o meno rilevante l’andamento della partita. Ovviamente, se vediamo che le nostre parole non sortiscono l’effetto voluto, possiamo sempre tentare di correggere la rotta con comunicazioni brevi dalla panchina dirette al singolo giocatore, come nel classico esempio dove un difensore risulta furioso e gli si può chiedere di calmarsi o concentrarsi per evitare entrate dure e subire ammonizioni o peggio ancora espulsioni.

La conferenza stampa settimanale ha subito un bel revamp, anche se devo dire che le prime volte che l’ho dovuta affrontare, mi sembrava di essere davanti ad un plotone di esecuzione.

Notare come l’atmosfera nei miei confronti sia pessimistica…questi vogliono la mia testa!

La schermata presenta tante icone con i nomi dei giornalisti ed il loro atteggiamento nei nostri confronti, oltre ad un’aria generale che si respira nella sala della conferenza stampa. Tocca a voi decidere se instaurare una guerra alla Mourinho con i giornalisti o essere assertivi come il buon Allegri che partiva sempre complimentadosi con i ragazzi. Ad ogni modo le nostre risposte possono influenzare, in maniera più o meno rilevante come accade con i giocatori, l’idea che i giornalisti hanno di noi, ma stando sempre attenti a quello che diciamo, visto che travisare le nostre risposte è sempre la loro abilità numero uno. 

Infine è stato rivisto anche il sistema di chiacchierate con chi lavora nel nostro club. La novità più importante è rappresentata dalle chat con interlocutori multipli, come ad esempio quando un giocatore è scontento del proprio minutaggio e farà intervenire il suo procuratore (e magari noi ci faremo accompagnare dal nostro direttore sportivo). Il realismo è quasi esasperato e vi auguro di non avere mai a che fare con giocatori seguiti da Mino Raiola.

PALLA A IBRA E CI PENSA LUI

Sebbene quello che sta facendo in questo momento Zlatan Ibrahimovic al MIlan potrebbe far credere che chiunque possa sedersi su una panchina, dare questo semplice comando e portare a casa i tre punti, nella realtà questa cosa non è assolutamente vera, anche perchè di dio Zlatan ne esiste solo uno, e lo dico da juventino!.

Il sistema di gestione tattiche è da sempre il cuore, almeno secondo il mio personale parere, di questo franchise e Football Manager 2021 ha voluto portare alcune novità, senza stravolgere però quanto fatto in passato, dato anche la già altissima qualità del sistema.

Sapete che un giocatore è una pippa con il piede debole? Bene, costrigentelo a giocare con quello!

A nostra disposizione ci sono molti più comandi tattici che ricreano alcuni stili di gioco famosi, come il Gegenpressing di Klopp, il Tiki-Taka di Guardiola o l’autobus parcheggiato davanti alla porta alla Mourinho. Ovviamente potrete personalizzare queste tattiche sbizzarrendovi con le mille impostazioni singole dei giocatori, che mostreranno differenti affinità ai ruoli specifici a loro assegnati, ma che potrete comunque sempre provare ad allenare in maniera personalizzata e che mi stanno permettendo, con tanta fatica, di realizzare il sogno di una vita: far diventare terzino Bernardeschi!

Volete giocare con una difesa a 4 e fare la Salida Lavulpiana con il centrocampista che si abbassa  tra i due centrali ad impostare ed in attacco giocare con le ali a piede invertito? Potete farlo!

Da questo punto di vista non vedo come sia ulteriormente migliorabile questa sezione che rasenta già la perfezione, ma aspetto l’edizione 2022 per essere puntualmente smentito.

Dal punto di vista tattico una novità importante è il completo controllo sui calci piazzati. Infatti è praticamente possibile telecomandare le posizioni dei singoli giocatori in situazione di palla inattiva, che vanno dall’evitare i fastidiosi gol in contropiede da calcio d’angolo a nostro favore oppure per cercare di aumentare la pericolosità offensiva sfruttando tutti i centimetri e chilogrammi a nostra disposizione con dell’ottimo caos organizzato all’interno dell’area.

Expected Goals, Heat Map, mille statistiche, il sogno di ogni malato di calcio!

L’unico limite alla gestione tattica di Football Manager 2021 dipende solo dalla vostra voglia di impegnarvi nel mettere ogni pezzo al suo posto in maniera minuziosa, ma se siete di quei allenatori poco pazienti e più diretti, potete sempre lasciare la gestione del tutto ai vostri collaboratori, sperando siano di livello adeguato alle vostre aspirazioni.

Da precisare come ogni singolo aspetto di Football Manager 2021 è delegabile a qualcuno del vostro staff, a partire dalla gestione delle formazioni giovanili fino a tutto quello che concerne mercato, contratti e stampa. Per fare una prova, nella mia partita ho provato a delegare tutto il delegabile ai miei collaboratori e se non ricordo male ho letto una cosa come oltre 120 compiti assegnati ad altri, tanto per farvi capire la quantità immensa di cose da fare all’interno del gioco.

CALCIO D’INIZIO

Dopo aver perso ore o minuti (a seconda della vostra voglia di delegare) nella gestione della squadra prima della partita, quello che poi conta è il risultato sul campo.

Oltre ai già citati incontri con la stampa nel pre-partita e le riunioni nello spogliatoio con gli ultimi discorsi motivazionali o modifice tattiche, ci sono delle grosse novità nella gestione della squadra durante la partita.

Football Manager 2021

La schermata in basso ci permette l’accesso rapido a tutto quello che serve per gestire la squadra dalla panchina.

La cosa più importante che ora è molto più facile gestire i singoli giocatori dato che è possibile dare nuove istruzioni ad ognuno di essi direttamente dalla schermata della partita. Possiamo impartire comandi singoli, cambiare ruolo o addirittura sostituirli senza dover entrare nella schermata tattiche come nel passato. Inoltre la schermata in basso con il nostro 11 titolari mostra la condizione del giocatore, il voto partita ed il suo stato emotivo, permettendo di monitorare in ogni momento il loro rendimento.

Dal punto di vista grafico il match 3D ha ricevuto qualche piccola miglioria, tra cui vanno segnalati sicuramente il nuovo sistema di illuminazione, ma soprattutto una bella rivisitazione sulle animazioni dei calciatori, rendendole più fluide e realistiche (pur rimanendo nei limiti del gioco che non vuole essere un concorrente dei titoli “action”), ma devo dire che vedere giocatori come Salah o Ronaldo scattare in velocità ti fanno sentire quasi davanti alla TV e non più dietro uno schermo di un PC.

Da malato di statistiche quale sono, forse sarà uno dei pochi che si è esaltato per l’inserimento degli Expected Goals nelle analisi post partita, un po’ come mi ritrovo a fare il lunedi’ post campionato spulciando gli articoli sull’argomento pubblicati su Ultimo Uomo. Questo è la dimostrazione come gli sviluppatori di Sports Interactive abbiano voluto dare a noi videogiocatori tutti gli strumenti che sono a disposizione di un allenatore reale per poter gestire al meglio la nostra squadra, dato che ormai l’analisi dei dati pre e post partita sono uno degli aspetti che fanno la differenza tra vittoria o sconfitta nel calcio moderno.

IL CALCIO MERCATO NON DORME MAI

Indubbiamente il mercato è uno degli aspetti più importanti di un gioco manageriale e Football Manager 2021 non è di certo esente da questa valutazione. La novità più importante è la possibilità di contattare direttamente l’agente di un giocatore per capire cosa il suo assistito vuole e poter pianificare al meglio la strategia di mercato. A volte è anche possibile superare il muro che lo stesso giocatore ha eretto nei nostri confronti e convincerlo a venire a giocare per noi, utile soprattutto nei casi dei parametri zero, rispettando le richieste fornite dal suo agente (come sempre, evitate Mino Raiola!).

La riunione di mercato evidenzia i problemi della mia rosa, come se non sapessi che ci manca un terzino sinistro da almeno 2 anni

Ma la possibilità di contattare l’agente di un calciatore non è l’unica novità per quanto riguarda i trasferimenti in Football Manager 2021, visto che ruolo fondamentale lo avranno le famosissime riunioni di mercato tra allenatore e staff di cui tanto sentiamo parlare ogni giorno.

I nostri collaboratori saranno parte attiva di queste riunioni cercando di evidenziare eventuali punti deboli nella nostra rosa oppure la necessità di sostituire calciatori che stanno per terminare la loro carriera, non sono più al livello richiesto o semplicemente in procinto di andarsene.

interagendo con loro abbiamo la possibilità di setacciare il mercato in lungo e largo per trovare i giocatori funzionali al nostro modo di vedere il calcio ed evitare soprattutto di avere inutili doppioni o dannosi buchi in rosa (cosa che capita spesso nella realtà).

Lo so che ho detto che ci manca un terzino sinistro, ma Frabotta non è al giusto livello, per fortuna che l’ha presa bene

BETA VERSION

Prima di dare il mio giudizio finale sul gioco devo fare un piccolo appunto: il gioco tra le mie mani è una beta version e quindi la versione finale, in uscita il 24 novembre, potrebbe avere qualche piccolo ritocco. In primis sui testi: moltissime linee di testo non sono ancora state tradotte e mi sono trovato spesso con parti del gioco in inglese ed altre in italiano (poco male), ma, almeno a mio avviso, questa Beta versione risulta “troppo” facile e concede risultati poco realisitici come questo pirotecnico 4-6 in Champions League che ho conseguito all’esordio, ma penso e spero che venga fixato questo aspetto nella versione finale del gioco.

Football Manager 2021

Ah, vero, il più grande difetto di Football Manager 2021 è quello di non avere diritti sulla mia amata Juventus, che nel gioco viene chiamata Zebre, ma per fortuna i calciatori all’interno della squadra sono quelli giusti. Almeno c’è qualcosa che possono sicuramente migliorare nell’edizione 2022!

 

 

 

Share.

About Author

Spazia in tutti i campi dell'universo nerd: videogiochi, comics, manga, serie tv, board game, GDR senza tralasciare una vera e propria ossessione per il calcio (e il fantacalcio) e altri sport in maniera minore. Cosplayer a tempo perso, talvolta si ricorda anche di lavorare e molto più raramente di dormire.

Parlane con Playcorner!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: