Con Asterix & Obelix XXL: Romastered (non è un errore di battituta ma la “o” è voluta), Microids e OSome Studio hanno voluto far rivivere quella che, per gli appassionati, è forse una delle migliori avventure in 3D che hanno per protagonisti i due Galli più rissosi della storia. Sono passati ormai 17 anni dall’uscita del titolo originale, ma il team di sviluppo avrà saputo dare una belle rinfrescata al gioco? Scopriamolo insieme

Diciamoci la verità, motivi per convincere Asterix e Obelix a menare mani contro i Romani non sono mai mancati, ma in Asterix & Obelix XXL: Romastered si arriva sul personale. Infatti l’Impero Romano ha avuto la malsana idea di invadere il villaggio dei due Vendicatori Galli, radendolo completamente al suolo e catturando anche gli amici di Asterix e Obelix. Da qui un’avventura (non troppo lunga a dire il vero) che porterà i due amici a viaggiare anche attraverso l’Egitto e la Grecia per riportare a casa i propri cari.

Il layout di gioco è abbastanza banale, con i due personaggi che si alternano nel corso dell’avventura (per sfruttare le loro abilità a seconda delle esigenze), mentre esploriamo diverse ambientazioni cercando di collezionare vari item, tra cui i più importanti sono sicuramente gli allori d’oro. A cercare di fermare la nostra avanzata ci saranno ovviamente legioni di Romani, ma anche tanti diversi tipi di nemici a seconda dell’ambientazione che stiamo visitando in quel momento. Da questo punto di vista il combattimento ricordare quasi un musou, con decine e decine di nemici che ci attaccheranno contemporaneamente e che faremo volare via a destra e manca, come è da tradizione per Asterix e Obelix.

Trovare le corone d’alloro sarà la side activity più interessante del gioco

Ma Asterix & Obelix XXL: Romastered non significa solo schiaffoni e raccolta di oggetti nascosti, ma anche risolve piccoli e semplici enigmi per poter proseguire, oltre a piccole sessioni di dialogo con alcuni dei personaggi iconici della serie.

Per chi ha già giocato nel 2003 al titolo di originale potrebbe sembrare a prima vista un semplice remake grafico del titolo, ma i programmatori di OSome Studio ci hanno tenuto ad implementare alcune feature per giustificare questa “Romastered” come ad esempio la possibilità di partecipare ad alcune gare cronometrate e prove di abilità per variare il gameplay che risulterebbe sennò essere un po’ troppo piatto. Inoltre per i giocatori più hardcore è stata inserita una difficoltà aggiuntiva che potrà essere sbloccata solo dopo aver completato il gioco e che fornisce al titolo un discreto livello di sfida (rispetto alla difficoltà normale dove è veramente dura rimanerci secchi).

Come già detto gli sviluppatori si sono preoccupati di fornire un bel ritocco dal punto di vista grafico al gioco, ma hanno lasciato l’opzione di poter tornare ad “ammirare” Asterix & Obelix XXL: Romastered nella sua versione originale a 4:3, con quello stile un po’ retrò che non può che provocare un po’ di nostaglia per i giocatori più “attempati”.

Dal punto di vista grafico molta cura è stata posta sulle piattaforme, meno poligonali rispetto al passato, mentre il design dei personaggi non sembra aver avuto lo stesso trattamento di favore, forse perchè già all’epoca erano stati disegnati con grande cura e quindi il salto generazionale non è così evidente come per le ambientazioni. Da segnalare anche un buon doppiaggio e traduzione in italiano, forse non elementi fondamentali per il genere, ma sicuramente gradite aggiunte per chi non vuole impazzire a leggere od ascoltare i giochi in lingua originale. 

 

 

6 Evitabile

Diciamoci la verità: ci sono tanti titoli che meritano una bella remastered del passato e non credo che Asterix & Obelix XXL fosse uno dei principali candidati. Il lavoro da parte del team di sviluppo c'è stato con un bel restyling grafico e le gare a tempo, ma non abbastanza da dare nuova linfa ad un titolo che di certo non ha lasciato il segno nella storia del videogioco. La sufficienza viene raggiunta più per l'impegno nel remake che per la qualità del gioco stesso

  • User Ratings (0 Votes) 0
Share.

About Author

Spazia in tutti i campi dell'universo nerd: videogiochi, comics, manga, serie tv, board game, GDR senza tralasciare una vera e propria ossessione per il calcio (e il fantacalcio) e altri sport in maniera minore. Cosplayer a tempo perso, talvolta si ricorda anche di lavorare e molto più raramente di dormire.

Parlane con Playcorner!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: