Di 51 Worldwide Games ve ne avevo parlato qualche giorno fa all’interno del nostro speciale.

Un titolo che, vale sempre la pena ribadirlo, punta dritto alle radici del divertimento, a quei titoli che hanno fatto la storia ludica da tavolo, ma anche quella di Nintendo (che iniziò proprio con le carte).  

51 Worldwide Games è anche un gioco che che continua la tradizione che dal dopo Iwata è diventata una vera e propria filosofia all’interno della grande N: occhi puntati sui casual gamer, su coloro che non sempre sfruttano in maniera intensiva le console. 

Puntando in questa precisa direzione, la raccolta di Nintendo prendo dei classici giocati in tutto il mondo e li porta all’interno di una raccolta facilmente fruibile, con delle meccaniche piuttosto immediate, in grado di far leva su tutte le peculiarità dell’hardware Nintendo: touch screen, motion control e ovviamente la modalità mosaico (unire gli schermi di più console) già vista nell’ultimo Mario Party

PULIZIA E SEMPLICITA’

Guardando nel complesso, ovviamente, dei 51 giochi troviamo qualcosa che è più riuscito rispetto ad altro, ma quello che in generale colpisce è la pulizia visiva e la semplice di fruizione del contenuto. Parlando a livello puramente personale, mi ha fatto incredibilmente piacere condividere per la prima volta la console con mia nonna per un’appassionante sfida a dama. 

Un esempio, quello che vi ho appena raccontato, di quello che è il cuore dell’esperienza di 51 Worldwide Games. Esperienza, qui lo sottolineo e lo sottoscrivo, che come per il 99,9% dei giochi di società/da tavolo necessità della sfida umana, della competizione tra giocatori, del brivido della vittoria o della sconfitta.

Se non amate giocare in gruppo ai videogiochi, o siete tra coloro per cui il single player è un vero e proprio dogma, allora lasciate perdere questa raccolta. Volendo potrei dirvi che sono tutti giocabili in single player, con anche diversi livelli di difficoltà selezionabili della IA, ma non è questo lo spirito della collection e, a dirla tutta, nemmeno dei giochi contenuti al suo interno. 

Un concetto che, a parer mio, è stato centrale nella mente degli sviluppatori. Oltre al locale fino a quattro giocatori (ovviamente, per i giochi che supportano tale numero di partecipanti), basterà una cartuccia per giocare – attraverso il classico download play – sempre fino a quattro giocatori con altrettante Switch. Infine, per i più tecnologici, non manca la possibilità di sfidare gli amici o dei perfetti sconosciuti attraverso l’online. Online che, devo ammetterlo, non mi è per niente dispiaciuto: pulito e stabile durante le prove effettuate

COSA TROVIAMO IN QUESTA RACCOLTA?

Sebbene ve li abbia già in parte illustrati nel precedente hands on, facciamo insieme una piccola carrellata delle categorie ( a spanne) che troverete all’interno di questa collezione. Partiamo ovviamente dalla categoria Regina: i giochi di carte. Una serie di giochi che riprendono tradizioni occidentali e orientali, a cui si aggiungono alcune modalità davvero uniche e che personalmente non avevo mai visto.

A seguire troviamo gli antenati del gioco da tavolo moderno, cito “Forza 4” giusto per dirne uno.Non mancano i classici giochi alla “Wii Sports”, come ad esempio Tennis, Bowling e l’ormai onnipresente Pesca. Infine, troviamo tutta una serie di prodotti che, per chi ha approfondito la storia di Nintendo, fanno parte del passato dell’azienda. Un vero e proprio tributo/omaggio a quello che fece l’azienda fondata da Fusajiro Yamauchi.

Chiudo puntando i riflettori su una peculiarità sicuramente accessoria, ma che personalmente ho trovato davvero un grande valore aggiunto al prodotto. Per ogni gioco, oltre a degli ottimi tutorial video che vi spiegano le regole, troverete tantissime curiosità da leggere, alcune davvero sorprendenti.

Questo ultimo passaggio racconta in maniera ancora più cristallina il rispetto che gli sviluppatori hanno dimostrato nello sviluppo di un prodotto che ci porta all’origine del divertimento classico, ma su uno strumento che parla chiaramente la lingua del divertimento moderno. Un connubio che vi consiglio di provare con i vostri amici. 

8 Senza tempo

51 Worldwide Games è una raccolta ben fatta, che raccoglie l’eredità di altri prodotti del recente passato Nintendo (ma anche del presente, se pensiamo a Ring Fit Adventure o Brain Training) e parla in maniera semplice, diretta ed efficace al pubblico casual. Però, è questo è un vero e proprio consiglio, può anche essere lo strumento che molti hardcore gamer possono utilizzare per giocare finalmente con genitori, nonni e persone meno avvezze al divertimento digitale moderno. Dategli una chance!

  • User Ratings (0 Votes) 0
Share.

About Author

Giocatore onnivoro. Amante dei boardgame anche se non vince mai. Un amore smisurato per il cinema. Insomma, ho tutte le malattie di questo mondo. Con tanta dedizione, ed un po di culo, sono riuscito a farlo diventare il mio lavoro. Qui però posso sproloquiare alla grande.

Parlane con Playcorner!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: