L’immaginario fantastico Marvel, amatissimo dal pubblico più giovane, ritorna con un nuovo appuntamento settimanale: a partire da sabato 4 aprile, alle ore 19:30, arriva la prima stagione di “Marvel’s Runaways”.

Della serie abbiamo parlato in un vecchio articolo qui su Playcorner che potete trovare a questo link.

Creata nel 2003 da Brian K. Vaughan e Adrian Alphona, la serie a fumetti della Marvel The Runaways ha riscosso in breve tempo un notevole successo facendo sì che i giovani protagonisti si imponessero nell’immaginario fumettistico affiancando idealmente un altro gruppo di eroi della Casa delle Idee, gli X-Men.

Solo che, a differenza dei noti mutanti creati da Stan Lee, i protagonisti di Runaways non hanno superpoteri ma, pur muovendosi in un mondo comunque immerso nel soprannaturale, riescono a fare prodigi grazie a tecnologie extraterrestri e marchingegni fuori dal comune.

La serie ideata da Josh Schwartz e Stephanie Savage da un soggetto dello stesso creatore del fumetto Brian K. Vaughan, rimane molto fedele alla controparte su carta e ambienta le avventure nel Marvel Cinematic Universe dove si muovono anche i celebri film sugli Avengers e la serie tv Marvel’s Agents of S.H.I.E.L.D.

In Runaways si raccontano le peripezie di un gruppo di sei adolescenti che scoprono un mondo a loro ignoto, fatto di magia e creature aliene, di cui fanno parte i loro genitori, membri di una setta occulta chiamata Pride. I membri di questa setta agiscono come una vera e propria organizzazione criminale, ma quando i sei ragazzi scoprono il coinvolgimento dei loro genitori, decidono di operare in gruppo per fermare le azioni malvagie di questi supercriminali, a costo di scontrarsi con i loro cari.

La replica settimanale in fascia preserale di questa prima serie anticipa la messa in onda della seconda stagione in prima visione, prevista da maggio in prima serata.

About Author

Spazia in tutti i campi dell'universo nerd: videogiochi, comics, manga, serie tv, board game, GDR senza tralasciare una vera e propria ossessione per il calcio (e il fantacalcio) e altri sport in maniera minore. Cosplayer a tempo perso, talvolta si ricorda anche di lavorare e molto più raramente di dormire.

Parlane con Playcorner!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: