Sine Requie, per chi non lo conoscesse, è un gioco di ruolo horror tutto italiano, scritto ed ideato da Matteo Cortini e Leonardo Moretti. Il gioco uscito originariamente nel 2003, oggi è prodotto da Asterion Press, che ne ha curata una seconda edizione chiamata Sine Requie Anno XIII.

La particolarità di questo titolo, rispetto a tanti altri giochi di ruolo, è quello dell’uso delle carte dei tarocchi per determinare l’esito degli eventi e non dei classici dadi.

L’incipit di Sine Requie è molto semplice: quello che noi conosciamo come il D-Day, il 6 giugno 1944, i morti tornarono in vita e il famoso sbarco in Normandia fu un fallimento. In questa realtà alternativa questo giorno viene ricordato come il “Giorno del Giudizio“. In seguito a questo evento la storia è cambiata in maniera significativa.

TEMPO D’AVVENTO

Il gruppo di giocatori (cartomante incluso) che prende parte a questa avventura è il frutto di quello che si può chiamare “esperimento sociale”.

Trasferitomi per lavoro dopo 30 e più anni nella mia città, ho dovuto abbandonare il mio gruppo abituale. Sono riuscito a tenere a bada la mia astinenza da gdr solo per un annetto, nel quale ho comunque continuato a  parlare di Sine Requie ai miei colleghi, che ancora non lo conoscevano.

Ci siamo decisi a metter su un gruppo nuovo, inedito e con una particolarità che non mi era mai capitata prima.: eravamo in sette, e nessuno conosceva tutti gli altri sei membri del gruppo. C’erano i colleghi, l’amico, i fratelli del collega, chi giocava di ruolo per la prima volta, chi veniva dal solo D&D.

L’imbarazzo della prima sessione è stato un bell’ostacolo, ma ce l’abbiamo fatta.

Ho proposto la cosa come una prova dicendo “se non vi piace smettiamo”, nel frattempo metto a disposizione i miei plurimi mazzi di tarocchi così non spendete nemmeno i soldi. Dopo due mesi di gioco, al ritorno da Lucca comics, qualcuno si è presentato con il proprio mazzo di Sine Requie.

Dopo altri mesi ormai l’appuntamento è diventato settimanale (salvo vacanze estive) ed il gruppo sempre più affiatato. Non c’è più imbarazzo ma voglia di stare insieme, magari cenando o scambiando un paio di chiacchiere pre sessione.

Dopo un anno dalla creazione del gruppo, nel quale abbiamo anche finito la prima parte di “Occhi del Serpente”, modulo ufficiale di Sine Requie, ho deciso di iniziare un nuova avventura, che ho chiamato Tempo d’Avvento, visto che si svolge nei giorni dell’avvento del 1954, precisamente a partire dal 28 novembre di quell’anno (Occhi del Serpente si conclude poco prima, il 12 novembre).

Piccola curiosità: era partita una campagna Kickstarter per sviluppare un videogioco di Sine Requie, basato proprio sull’avventura Occhi del Serpente, che purtroppo non è stato finanziato.

In Tempo d’Avvento seguiremo le sorti di Padre Mazzoni, protagonista di Occhi di Serpente. A differenza di quanto previsto nell’avventura ufficiale, in questa campagna il povero Padre Mazzoni versa in condizioni veramente brutte…

POCHE REGOLE MA BUONE

Le regole che vigono al tavolo di gioco sono poche e semplici:

  1. I cellulari sono banditi, se non per comunicazioni segrete con il cartomante;
  2. Il metagame è punito con la morte, dato che il cartomante non lo tollera.

Grazie a chi avrà la pazienza e la voglia di seguire questa avventura, che cercheremo di rendere un appuntamento settimanale, per quanto possibile.

Se volete comunicare direttamente con il cartomante (ossia il sottoscritto che vi sta scrivendo queste due righe) potete contattarlo alla sua pagina Facebook “La terribile Annata”.

Share.

About Author

Parlane con Playcorner!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: