Yakuza Kiwami 2 è il remake per PS4 di Yakuza 2, secondo capitolo della saga, uscito nel lontano 2008 su PS2 (anche se nel mercato giapponese era già uscito addirittura nel 2006).

In questo caso la versione giapponese di Yakuza Kiwami 2 è uscita “solo” a fine 2017, quindi i tempi solitamente biblici che dovevamo aspettare per vedere questo genere di titoli in Europa e Nord America, si sta assottigliando, mostrando come il mercato occidentale sia più ricettivo verso questi giochi che solitamente spopolano nel Sol Levante.

NELLE PUNTATE PRECEDENTI…

Come dicevamo Yakuza Kiwami 2 è il secondo capitolo della saga, ma per chi è completamente all’oscuro di quanto successo nel primo “episodio”, non vi preoccupate, SEGA ha pensato a voi.

Infatti nel prologo della storia (da gustarsi quasi come fosse un film) è possibile vedere un vero e proprio riassunto di tutti gli avvenimenti che hanno portato il nostro protagonista, Kazuma Kiryu, a lasciare il mondo della criminalità organizzata per cercare di essere un buon “padre” per la piccola Haruka, figlia della sua amata Yumi, morta proprio per salvare la vita a Kazuma.

Durante la visita alle tombe dei loro cari, Kazuma e Haruka vengono raggiunti da Yukio Terada, l’uomo che ha preso il posto di Kazuma nel clan Tojo, che viene a chiedere consiglio e aiuto per cercare di risolvere la sanguinolenta lotta fra il clan Tojo e l’organizzazione rivale, la Omi Alliance.

Purtroppo durante questa visita Terada viene assassinato, costringendo Kazuma a rimettersi in gioco per cercare di risolvere questo conflitto e trovare un nuovo capo clan per i Tojo.

Ovviamente la storia di Yakuza Kiwami 2 è l’elemento centrale e più importante del gioco: mai banale, piena di plot twist e onestamente non si sentono per niente i 12 anni sulle spalle (a parte i riferimenti alla tecnologia del 2006).

Sicuramente da apprezzare il tono da “seinen” (termine con cui si indicano le opere giapponesi dedicate ad un target maschile adulto) che viene dato alla narrazione, in maniera tale da vivere più da vicino il duro mondo della Yakuza (anche se non mancheranno momenti più leggeri e divertenti).

Se da una parte la storia ricopre un ruolo fondamentale in questo titolo, dall’altra parte anche i combattimenti che si affrontano nel gioco rappresentano un elemento imprescindibile per Yakuza Kiwami 2.

Il nostro Kiryu ha fin da subito a disposizione un variegato set di mosse con cui affrontare gli scagnozzi che troveremo in giro, ma molte mosse ed abilità sono sbloccabili nel lungo periodo, dandoci così nuova linfa man mano che progrediamo nel gioco.

Non si tirano solo pugni, ma è possibile utilizzare anche le armi che si trovano in giro (alcune a volte molto improvvisate). Se non vogliamo usarle subito, per alcune di esse è possibile conservarle, ma soprattutto ogni arma può aprire la strada per nuove mosse dedicate, anche se bisogna dire che è snervante vedere alcune di queste per terra e non poterle raccogliere/usare fino a quando non parte un combattimento.

Molto interessante anche l’integrazione tra sidequest e combattimento visto che completando alcune storie secondarie è possibile guadagnare alleati che ci daranno una mano in combattimento quando attiveremo particolari mosse (anche se sarà necessario “comprarle” prima di poterle utilizzare).

TANTI EXTRA NEL GAMEPLAY

Se la storia non ti gusta o comunque vuoi prenderti un piccolo break, Yakuza Kiwami 2 ha al suo interno tantissime attività collaterali con cui divertirsi.

Ovviamente come non citare i cabinati dove poter giocare dei titoli classici della SEGA (Virtua Fighter in primis) oppure uno dei miei giochi preferiti, il mah-jong classico (anzi per chi vuole conoscere meglio questo fantastico gioco può vedere un anime stupendo dal nome Akagi), senza scordare il golf, freccette o i casino.

Un discorso a parte va fatto per le due attività secondarie che potrete portare avanti durante Yakuza Kiwami 2.

La prima è il Cabaret Manager, già visto in Yakuza 0, dove ci troveremo a gestire un club, dove sarà nostra cura mettere a lavorare tante simpatiche e piacenti ragazze per aumentare i nostri profitti con la vendita dei prodotti del locale in cui lavorano (adescando ovviamente poveri uomini stolti).

Praticamente sotto questo nome si nasconde un gestionale assolutamente non banale che sarà una grandissima fonte di guadagno durante il gioco.

YAKUZA KIWAMI 2_20180818184805

L’altro minigame è invece il Clan Creator, gioco che riprendere i concetti basilari del tower defense, con la nostra squadra che dovrà difendere un cantiere in costruzione da ondate di nemici da far invidia anche al più esagerato dei musou in circolazione.

Personalmente tra i due preferisco di gran lunga Cabaret Manager, anche perché cercare di giocare un tower defense su console con il Joypad non è una delle esperienze più rilassanti del mondo.

“LIFTING” RIUSCITO!

Yakuza Kiwami 2 è stato ricostruito da zero utilizzando il Dragon Engine che ovviamente migliora tantissimo il gioco dalla sua versione originale per PS2.

Il lavoro fatto è egregio, anche se a volte le espressioni facciali sono un po’ legnose, ma è un qualcosa su cui si può tranquillamente soprassedere considerando tutto quello che il gioco ha da offrire.

Anzi, a volte Yakuza Kiwami 2 ci porta a “deragliare” completamente dalla nostra missione principale, rapendoci nelle sue molteplici attività secondarie  (come però da tradizione per la serie). Di certo la longevità non è qualcosa che manca a questo titolo.

Qualche piccolo problemino anche nella fisica dei combattimenti, ma anche qui nulla che possa rovinare del tutto l’esperienza di gioco, che risulta soddisfacente in tutti i suoi aspetti.

Di sicuro Yakuza Kiwami 2 è un gioco consigliatissimo, soprattutto chi, come me, non ha potuto godersi la sua storia nell’originale su Playstation 2 ed un monito a chiunque voglia impegnarsi nel fare un remake, di come questi vadano fatti.

PRO & CONTRO

+ Bella storia, raccontata con il tono giusto e i plot twist al momento giusto
+ Tantissime attività secondarie
+ MAH-JONG (sono un po’ di parte)
+ Upgrade grafico notevole
– A volte un po’ troppo dispersivo nelle attività secondarie
– Qualche piccola imperfezione nella fisica dei combattimenti
8.5 Yatta!

Una storia eccezionale, un gameplay variegato con mille attività differenti e tante altre cose rendono questo remake di Yakuza Kiwami 2 un manifesto del perché a volte è NECESSARIO rimettere mano su questi grandi giochi del passato e riportarli al presente agli occhi di tutti.

  • User Ratings (0 Votes) 0

About Author

Spazia in tutti i campi dell'universo nerd: videogiochi, comics, manga, serie tv, board game, GDR senza tralasciare una vera e propria ossessione per il calcio (e il fantacalcio) e altri sport in maniera minore. Cosplayer a tempo perso, talvolta si ricorda anche di lavorare e molto più raramente di dormire.

Parlane con Playcorner!