Con ancora negli occhi il fantastico trailer di Avengers Infinity War , in arrivo il 25 aprile nelle nostre sale, oggi vi vogliamo parlare di Marvel Strike Force, diretto successore di Marvel Avenger Alliance 2.

Per chi non lo sapesse Marvel Avenger Alliance è stato per un lungo periodo la “droga” ludica su Facebook per alcuni di noi nerdacchioni. Purtroppo, non supportato da introiti sufficienti da garantire il mantenimento dei server, è arrivata inevitabile la chiusura dopo 4 anni, per un gioco che ha saputo attirare oltre 70 milioni di giocatori (queste le stime fornite all’epoca).

Marvel Avenger Alliance 2 ha avuto una vita molto più breve (oltretutto il gioco era presente solo per dispositivi mobili con un gameplay molto più macchinoso a mio avviso), non riuscendo a riproporre assolutamente il successo del primo capitolo.

MA COSA E’ LO S.T.R.I.K.E.?

Partiamo da un piccolo preambolo: il gioco uscirà con molta probabilità il 28 marzo (anche se ancora non ci sono dichiarazioni ufficiali), ma la scimmia era tale che abbiamo attivato account di paesi esotici pur di mettere mano a Marvel Strike Force il prima possibile.

In questo capitolo il cattivone di turno è Ultimus, “cazzutissimo” villain che ha raccolto tutti gli eroi degli altri universi paralleli, convertendoli (WOLOLO!!!) ad una forma malvagia per conquistare la nostra terra.

Parte del mio team…quanto c’è da lavorare ancora…

Ovviamente il buon Nick Fury non rimane a guardare e richiamera all’azione S.T.R.I.K.E. (Strategic Tactical Reserve for Interdimensional Key Events), unità speciale alla quale si uniranno anche alcuni tra i villains del mondo Marvel più conosciuti, come Kingpin, Crossbones, Elektra (anche se non si sa mai da che parte sia lei) e tanti altri. In tutto ciò saremo, a capo dello S.T.R.I.K.E. saremo proprio noi.

COME SI GIOCA?

Per chi non è pratico di Marvel Avenger Alliance iniziamo a dire che il gioco è veramente vasto e se avrà successo, come si spera, il supporto con patch future non farà altro che aumentare la quantità di roba da fare e collezionare.

Tutto quello che riguarda Marvel Strike Force va associato ad una singola parola: troppo.

Davvero, non sto scherzando, c’è veramente troppo da fare in qualsiasi parte del gioco, ma proviamo a venirvi incontro.

Per prima cosa sappiate che avrete a che fare con un RPG a turni, nel quale avrete a disposizione il vostro team di 5 eroi (anche se potete schierarne di meno se volete) ad affrontare le ondate di nemici che vi si pareranno davanti.

Come tradizione di questo genere di giochi su mobile, ci saranno svariati eroi da sbloccare, tramite un sistema di shard da reperire dalle missioni o dagli orb, una tipologia di loot che può contenere al suo interno oggetti di ogni tipo (tra cui le shard).

Ogni eroe avrà un ruolo ben preciso tra i 5 a disposizione: Brawler e Blaster, ruoli designati a fare danni, ma ovviamente molto deboli difensivamente, Protector, il tank di turno, e due ruoli di supporto come il Support e il Controller.

Qualcuno ha chiamato il buon vecchio Rocket?Ogni eroe ha a disposizione un set di 3 mosse più un’abilità passiva. Le mosse non sono tutte utilizzabili fin da subito, ma bisognerà raggiungere un determinato livello di equip per averle tutte disponibili. Per upgradare il tier di equip sarà necessario equipaggiare tutti gli slot del personaggio e procedere all’upgrade. A quel punto tutti gli equip presenti scompariranno e si attiverà il successivo tier di equipaggiamento e così via. Ad ogni upgrade di gear le abilità del personaggio verranno potenziate.

Molto interessante l’opzione di vedere dove è possibile reperire determinati pezzi dell’equipaggiamento per ogni personaggio, senza dover impazzire a controllare ogni missione o parte del negozio per capire dove è meglio usare la nostra energy.

Alcuni pezzi di equipaggiamento possono essere addirittura costruiti: avendo a disposizione loot di qualità più bassa, il gioco ci dà la possibilità di combinarli per creare un pezzo più raro e forte.

A loro volta le abilità potranno essere upgradate, così come il livello dell’eroe nonché la sua rarità (il famoso sistema a stelle che avrete visto in decine di giochi). Praticamente qualsiasi aspetto di ogni eroe è potenziabile, con conseguente necessità di grinding intensivo in alcuni frangenti di gioco.

A parte l’abilità base, le altre abilità solitamente hanno un cooldown per essere usate, quindi vanno usate con parsimonia e nel momento giusto per massimizzare l’effetto. Da notare che ogni abilità o ogni altro aspetto in combattimento può essere analizzato tenendo premuto sull’icona o sul personaggio.

TROPPA ROBA!

Le modalità di gioco sono veramente innumerevoli, anzi “troppe”: abbiamo la campagna, che a sua volta è suddivisa in quella per eroi, villains, nexus, cosmici e mistici.

A parte la campagna del nexus, tutte le altre campagna porteranno a restrizioni sui personaggi utilizzabili, quindi un buon consiglio è quello di avere un parterre di eroi quanto più variegato e bilanciato possibile, perché può darsi che il vostro team preferito potrebbe essere inutilizzabile in qualche missione, portandovi a incontrare dei veri e propri muri, anche se basta un po’ di grinding per rimetterci subito in carreggiata.

Piccola nota sul grinding: per quanto a volte sia un male necessario, bisogna segnalare che gli sviluppatori, molto magnanimi, hanno inserito la possibilità dell’Auto Battle, che ci permetterà di lasciare i nostri eroi a fare quello che sanno fare meglio senza darci troppa attenzione ma soprattuto l’opzione Auto Win. Questa modalità ci permette, pagando il costo in energy della missione da affrontare, di simulare la battaglia e ricevere il loot relativo. E’ possibile anche far partire molteplici sessioni di Auto Win sulla stessa missione, opzione molto utile quando abbiamo bisogno di particolari loot o abbiamo energy inutilizzata e per un certo periodo di tempo sappiamo che non potremmo mettere mano al cellulare per giocare.

Oltretutto è possibile “farmare” le missioni solo un numero specifico di volte al giorno, visibile sotto i dettagli di missione, dove trovate anche l’opzione Auto Win.

Pensavate che ci fosse solo la campagna da affrontare? Vi sbagliate di grosso! Abbiamo anche le challenges, sfide che possiamo affrontare solo 3 volte al giorno che si sbloccano in base al giorno della settimana, che ci permetteranno di recuperare esperienza, gold, materiali per il livellamento e quant’altro, a seconda della sfida affrontata.

A seguire abbiamo gli eventi, missioni a tempo limitato, fondamentali in quanto ricompensano con personaggi aggiuntivi (un po’ come accadeva con le Spec Ops del primo Marvel Avenger Alliance).

Infine abbiamo i raid di alleanza. Un gruppo di persone può riunirsi in un clan e pagando un ticket di ingresso (pagato solo dall’host del raid), 3 membri possono partecipare al raid, allo scopo di fermare (o arginare) le invasioni da altri universi.

Ad ognuno dei giocatori viene proposto una route particolare per uccidere un boss. In base a quanti percorsi vengono completati, il reward finale potrà essere migliore. Questi raid sono divisi in tier basati sul livello medio del gruppo che lo andrà ad affrontare, a partire da 25, con scaglioni a salire di 5 livelli (quindi 30, 35, ecc.).

parte del buon sano pve.

Tutto questo è quello che riguarda la parte PVE del gioco, ma come ogni titolo mobile che si rispetta, avremo la possibilità di anche dedicarci al PVP.

Anche qui abbiamo diverse modalità: battlegrounds, arene (entrambe modalità 5vs5 contro altri giocatori) e le guerre tra alleanze. A dire il vero l’ultima feature non è ancora attiva, ma dovrebbe arrivare “Soon™“.

Tutte queste modalità danno come reward gli orb di cui vi ho già parlato, che possono contenere al loro interno di tutto, a partire dai gold fino alle shard necessarie per sbloccare i personaggi.

Ovviamente, oltre alla valuta in game semplice, rappresentata dai lingotti d’oro, abbiamo i Power Core che rappresentano quella premium con la quale sarà possibile acquistare upgrade in maniera più rapida e mirata. I Power Core ci verranno “regalati” come reward in alcune missioni, ma per averne a bizzeffe dovrete aprire il portafoglio!

CONCLUSIONE

Marvel Strike Force è un gioco a mio avviso veramente valido. Il fattore assuefazione si sente da subito, anche a livello grafico non è per niente male, considerando sempre il fatto che si tratta di un gioco mobile.

Per quanto la quantità di cose da fare all’inizio sia veramente eccessiva, dopo un po’ ci si prendere il callo e soprattutto il ritmo e come F2P non sembra troppo orientato verso il Pay To Win classico di molti giochi su dispositivi mobili.

Per ora non posso che aspettare con trepidazione l’uscita ufficiale (e quindi l’inizio del supporto al gioco con patch e nuovi eroi), ma per quanto provato fino ad ora, non posso che esprimere un parere sicuramente positivo, sperando che non faccia la fine dell’ultimo predecessore (Marvel Avengers Alliance 2) e possa avere una durata più lunga.

Per ora ovviamente abbiamo solo iniziato a vedere cosa può fornire questo gioco, ma ricordatevi di preregistrarvi sul sito di Marvel Strike Force. Ci vediamo con l’uscita ufficiale (si spera il 28 marzo) e fateci sapere se volete unirvi al clan di Playcorner.it!

______________________________________________________________________________________

Pipboy OkPRO: è un gioco Marvel, quindi la presenza di tutti gli eroi (e villains) di questo fantastico mondo è da solo motivo per giocarci. Marvel Strike Force sembra essere molto bilanciato come F2P, sperando che con il tempo mantenga questa caratteristica.

CONTRO: all’inizio le cose da fare sono troppe e potrebbero scoraggiare il nuovo arrivato, soprattutto se non inizia dal day one a giocare. Inoltre è pur sempre un gioco per dispositivi mobili, con tutti i problemi legati alle microtransazioni che si possono immaginare.

Share.

About Author

Parlane con Playcorner!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: