Quello che leggete nel titolo è la mia reazione, molto genuina, all’ultimo Direct dedicato alla Nintendo Switch.

Premessa: non possiedo una Switch al momento, quindi il mio giudizio penso possa essere considerato “super partes”

Ormai è passato quasi un anno dall’uscita della nuova console di casa Nintendo e bisogna ammettere che i fatti parlano chiaro.

La Switch è la vera vincitrice della “console war” del 2017, che vede PS4 seguirla a ruota con Xbox sempre più relegata in ultima posizione.

Ma a cosa è dovuto questo successo? La risposta è semplice: i giochi.

Mentre Sony e Microsoft si sono dati guerra dal punto di vista hardware (PS4 Pro, Xbox One X, visori per la realtà virtuale, ecc.), Nintendo ha preso tutt’altra direzione puntando su quello che effettivamente poi permette ad una console di vivere nel lungo termine, ossia il software.

Senza a stare a citare i casi di Super Mario e Zelda, capolavori annunciati prima ancora di uscire, bisogna puntare il dito su tutto il contorno a questi titoli.

In questi mesi possiamo già annoverare titoli come Splatoon 2, Mario + Rabbids, Mario Kart, Xenoblade 2, ma quello che impressiona più di tutto è la qualità dei titoli che sono in cantiere nel prossimo futuro.

 

Solo nel Direct dell’11 Gennaio sono stati annunciati titoli che mi stanno facendo prudere le mani e il portafoglio (e cedere finalmente all’acquisto di questa benedetta Nintendo Switch).

Dark Souls Remastered, Mario Tennis Aces, Donkey Kong Country Tropical Freeze, Kirby Star Allies, Hyrule Warriors Definitive Edition, SNK Heroines Tag Team Frenzy ma soprattutto uno dei più bei RPG degli ultimi 10 anni: The World Ends With You Final Remix.

Vince McMahon rappresenta perfettamente il mio stato durante il Direct

E tutta questa roba annunciata in un singolo Direct che la stessa Nintendo definisce “mini” (alla faccia del mini); ma vogliamo mica scordarci di titoli già in cantiere come Bayonetta 2 e 3, Fire Emblem (ancora non si sa quando uscirà esattamente, ma uscirà), Metroid Prime 4 o l’eventuale titolo Pokèmon per Switch, che grazie al suo fattore portabilità potrebbe creare un esercito di zombie deambulanti che urlano “Gotta Catch’em All” sui mezzi pubblici.

Nel frattempo le console di casa Sony e Microsoft fanno fatica a tirare fuori titoli tripla AAA che mantengano le aspettative (anche se da questo punto di vista Monster Hunter World potrebbe finalmente tornare a farmi fare pace con la mia PS4).

Non che non siano usciti giochi che meritano in questo 2017 per le due console “serie” (anche se il mio preferito è stato un titolo outsider come South Park: Scontri Di-retti), ma tutto mi sembra un pò passato in secondo piano confrontandolo con il parco giochi della neonata della Nintendo.

Penso che ormai la mia forza di volontà è agli sgoccioli, iniziamo a rompere il salvadanaio che non ce la faccio più a dire in giro quanto sia figa la Nintendo Switch e non possederla…

 

Share.

About Author

Spazia in tutti i campi dell'universo nerd: videogiochi, comics, manga, serie tv, board game, GDR senza tralasciare una vera e propria ossessione per il calcio (e il fantacalcio) e altri sport in maniera minore. Cosplayer a tempo perso, talvolta si ricorda anche di lavorare e molto più raramente di dormire.

Parlane con Playcorner!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: