Ogni anno gli appassionati aspettano con ansia e trepidazione il Blizzcon 2017.

Se un tempo era un avvenimento per pochi appassionati, come i fanatici di Starcraft/Warcraft, i giocatori di World of Warcraft e gli hardcore gamers di Diablo, da qualche anno a questa parte Blizzard ha ampliato i suoi orizzonti con Heartstone, Overwatch e Heroes of the Storm

Diciamo che questo Blizzcon 2017 è stato bellissimo, ma non perfetto…per quello avrebbero dovuto fare un certo annuncio su un certo giochino chiamato Diablo 2, ma questa è un’altra storia.

WORLD OF WARCRAFT CLASSIC

La scelta di non seguire l’ordine di presentazione visto durante il Blizzcon è dettata da una scelta puramente personale.

Semplicemente io c’ero al day one, quando la grande avventura di World of Warcraft ha avuto inizio. Per 13 anni, con qualche freeze temporaneo più o meno lungo, ho giocato a questo gioco che ha significato tanto per me. Soddisfazioni a livello di gaming e soprattutto la possibilità di aver conosciuto tanta gente, con cui oggi ho un rapporto di amicizia fantastico, tra cui proprio uno dei “colleghi” qui su Playcorner, il nostro caro “Prof.” Luca Pinchiroli.

L’annuncio di WoW Classic durante il Blizzcon 2017 non era inatteso, se pensiamo alle politiche di tolleranza zero adottate negli ultimi mesi da parte di Blizzard nei confronti di alcuni server privati che fornivano lo stesso prodotto, ma nonostante fossi in un certo modo preparato, la visione del trailer di lancio mi ha lasciato semplicemente senza parole e con qualche lacrimuccia.

Vi lascio al cinematic trailer sperando che faccia su di voi lo stesso effetto che ha avuto su di me

 

WORLD OF WARCRAFT: BATTLE FOR AZEROTH

Negli ultimi mesi discutevo con Simone Rampazzi, altro redattore di Playcorner, su cosa avrebbe annunciato la Blizzard di importante durante il Blizzcon 2017.

Lui era convintissimo che gli annunci importanti sarebbero stati su Diablo (la Remastered del secondo capitolo o un fantomatico Diablo 4), io invece sono sempre stato sicuro dell’arrivo della nuova espansione per World of Warcraft.

D’altronde i tempi erano maturi, il ciclo di Legion era chiaramente finito con la sconfitta di Kil’Jaeden e quindi ora inizierà quel terribile periodo di “nulla cosmico” tra la fine di un’espansione e l’inizio della successiva (per chi è appassionato sa benissimo di che sto parlando).

Detto questo, andiamo a spiare cosa ci offre Battle for Azeroth.

Per prima cosa, come ovviamente accade ad ogni exp, sarà innalzato il level cap fino al 120esimo livello (ma non c’era una voce che diceva che al 100° sarebbe finito tutto?).

Tra le cose interessanti da segnalare l’aggiunta di 6 razze, 3 per fazione, anche se dovremmo più correttamente parlare forse di ceppi di razze già esistenti.

Avremo la possibilità, da lato orda, di usare i Tauren di Highmountain, i Troll di Zandalar e i Nightborne (o come vengono chiamati in italiano gli elfi nobili), mentre lato alleanza abbiamo i Lightforged Dranei, i Void Elf e i famigerati Dark Iron Dwarves.

Come avrete notato alcune di queste razze sono fazioni che avrete incontrato durante le vostre avventure e ora diventeranno selezionabili per esplorare i nuovi continenti presentati in questa Battle for Azeroth: infatti avremo la possibilità di visitare Kul Tiras, la patria della famosa Jaina Proudmoore, che nel frattempo ha fatto la fine di Carmen San Diego, ma scommetto che ce la ritroveremo davanti, mentre come zona orda avremo la possibilità di visitare Zandalar, la patria dei troll.

A quanto pare spariranno i server PVP, ma semplicemente ci sarà data la possibilità di decidere quando avere il PVP abilitato o meno (similarmente a come accade adesso nei server PVE), con la differenza che dovremmo decidere se siamo in mood da “botte” quando ci troviamo in città e non quando ne vediamo l’opportunità.

Saranno creati anche nuovi eventi PVE simili a battaglie da 20 giocatori in cooperativa, che ricorderanno quanto visto nel RTS di Warcraft, anche se sulla bontà di questa idea vorrei metterci la mano per capire di cosa parliamo e quanto possa essere divertente soprattutto.

Se in Legion abbiamo speso tempo e risorse per migliorare la nostra arma, questa volta tocca alla nostra armatura. Infatti, a quanto pare, similarmente a quanto accaduto con il nostro artefatto in Legion, questa volta toccherà al “Cuore di Azeroth“, un neck leggendario creato da Magni Bronzebeard in persona, ad essere sviluppato durante l’espansione, dandoci la possibilità di sbloccare nuovi tratti e poteri con l’impiego dell’Azerite, nuova importante risorsa scoperta durante gli eventi di Legion.

Tempi di attesa: non prima di settembre 2018, ma in realtà su questo la Blizzard non si è per niente sbottonata.

OVERWATCH

Overwatch al momento è il fiore all’occhiello della Blizzard e non poteva di certo mancare un annuncio importante durante il Blizzcon 2017.

Infatti è stato presentato il quinto nuovo eroe del gioco dalla sua uscita, Moira, un support healer che dalle prime dichiarazione farà molto discutere, visto che gli sviluppatori hanno assicurato che sarà in grado di fornire grande quantità di danni, healing, rimanendo anche molto mobile, praticamente un PG overpowered dichiarato, anche se la skin non sembra un granchè, anzi ha deluso molti appassionati del gioco.

Oltre al nuovo personaggio, che vedremo con il tempo come verrà recepito, è stata presentata una nuova mappa, molto autoreferenziale, infatti è un Parco Giochi a tema Blizzard.

Saranno presenti elementi scenografici dai vari giochi Blizzard, da World of Warcraft a Starcraft, un vero spettacolo per gli occhi per i fan a tutto tondo della software house.

Onestamente non sono un grande fan di Overwatch, ma questa mappa mi fa venire una voglia matta di provarla.

E poi poteva mancare uno dei corti della Blizzard? Assolutamente no!

L’azienda è famosa per rilasciare cinematic che ci conquistano sempre ed è toccato a Reinhardt, veramente veramente emozionante!

HEROES OF THE STORM

Overwatch fa da padrone anche su Heroes of the Storm.

Durante il Blizzcon 2017 è stato annunciato che uno dei personaggi più amati di Overwatch, Hanzo, arriverà su Heroes Of The Storm.

Ma non solo lui si aggiungerà al parco eroi, già ampio, infatti nel trailer di presentazione si vede anche un NPC storico di World of Warcraft aggiungersi alla mischia: Alextrasza.

La particolarità di questo eroe? Beh, guardate il video e lo capirete

STARCRAFT 2

Completamente inaspettata ma sicuramente molto gradita la notizia data durante il Blizzcon 2017 che Starcraft 2 diventerà un Free-to-Play. Infatti dal 14 novembre Starcraft 2: Wings of Liberty sarà gratuito e per chiunque abbia già il gioco, sarà regalata l’espansione Heart of the Swarm.

Vi sarà anche la possibilità di avere le ranked multiplayer gratuite ma i giocatori dovranno sbloccarle dopo aver effettuato le 10 First Wins of the Day.

Le altre campagne single player, Heart of Sworm, Legacy of the Void e Nova Covert Ops avranno lo stesso costo di sempre.

HEARTHSTONE

Al Blizzcon 2017 non poteva mancare ovviamente Hearthstone e infatti la Blizzard ha annunciato la prossima espansione del gioco.

Coboldi e Catacombe” ci porterà all’interno dei dungeon come se fossimo in un gioco di ruolo durante una sessione EUMATE (Entra Uccidi Mostro Arraffa Tesoro Esci).

Annunciata una nuova carta leggendaria, Marin The Fox, disponibile a chiunque si unirà al gioco entro la prossima settimana. Inoltre è stata confermata una nuova parola chiave: Recruit. Questa meccanica permetterà ai giocatori di prendere minion dal mazzo e metterli direttamente in gioco.

Interessante anche la nuova modalità single player chiamata “Dungeon Run“. I giocatori dovranno affrontare 8 boss random durante le sessioni e guadagnare nuove carte man mano che giocano. Se il giocatore perde, il mazzo viene perso e i giocatori dovranno ricominciare da capo.

About Author

Spazia in tutti i campi dell'universo nerd: videogiochi, comics, manga, serie tv, board game, GDR senza tralasciare una vera e propria ossessione per il calcio (e il fantacalcio) e altri sport in maniera minore. Cosplayer a tempo perso, talvolta si ricorda anche di lavorare e molto più raramente di dormire.

Parlane con Playcorner!