Partiamo da una semplice premessa: adoro lo sport in quasi tutte le sue forme e rappresentazioni, ma quasi sempre odio i videogiochi a tema sportivo e, per questo motivo, potrei essere stato lievemente più critico del dovuto nel recensire Mario Sports Superstars.

Mario Sports Superstars presenta al suo interno ben 5 giochi diversi, ognuno dedicato ad una diversa disciplina sportiva.

Mario Sports Superstars – Football

 

Mario Sports Football

Non capisco come si faccia a tirare con delle scarpe del genere….

Da buon italiano non posso che aver provato per primo il gioco sul calcio.

Il menù, molto semplice, ci permette immediatamente di buttarci nella mischia (dopo un brevissimo tutorial) e dopo aver scelto due giocatori speciali (sono stato molto scontato e ho preso la coppia Mario e Yoshi), il resto della squadra e il portiere ho iniziato un torneo.

I controlli ricordano molto quelli classici di PES o FIFA (tanto per capirci si usa il tasto R per effettuare tecniche speciali) ma ovviamente il gioco non ha (e di certo non pretende di avere) la profondità di titoli dedicati come i due citati.

La grafica risulta gradevole e abbastanza fluida, ma il vero problema nasce dal sistema di controllo, visto che risulta difficile effettuare movimenti rapidi con l’analogico o la croce direzionale, portandoci spesso a voler effettuare un determinato movimento ma con risultati non eccezionali (e spesso si andrà a sbattere sul giocatore avversario perdendo la palla).

L’unica differenza che può essere da un gioco di calcio standard è che con passaggi e tiri effettuati si caricherà una barra che permetterà di fare delle “special moves” a chi è in possesso del pallone in quel momento (quindi teoricamente potrebbero sfruttarlo anche gli avversari), senza però che queste siano sempre risolutive (anzi i tiri speciali che ho effettuato spesso venivano parati senza troppi problemi dal portiere avversario).

Mario Sports Superstar – Tennis

Mario Sports Tennis

Peach in gonnella da tennis darebbe filo da torcere alla Sharapova

Mario Tennis è da molti anni uno degli spin-off a tema sportivo meglio riusciti del franchise legato a Mario e si vede che il lavoro svolto negli anni passati è stato utilizzato e con buoni risultati.

Probabilmente il tennis è, tra i 5 sport presentati, quello che ha il migliore impatto sul giocatore, insieme al golf (anche questo grazie all’esperienza pregressa accumulata con Mario Golf).

In questo gioco, i controlli sono meno problematici rispetto al titolo calcistico e ci si diverte veramente tanto con scambi dal ritmo serrato e spesso molto spettacolari.

Anche qui avremo la possibilità, utilizzando il colpo giusto, di effettuare mosse speciali (come il Jump Smash o un super colpo effettato che ricorda il famosissimo “tiro a banana” direttamente da Microprose Soccer).

Grave pecca forse la pochezza in termini di personalizzazione dell’ambiente di gioco in quanto avremo solo un singolo “stadio” dove potremmo decidere semplicemente se giocare su cemento, erba o terra battuta (con le ovvie ripercursioni sul rimbalzo e velocità della pallina)

Mario Sports Superstars – Golf

Mario Sports Golf

Chissà se Mario ha qualche scandalo come Tiger Woods nascosto…

Sole, un filo di vento, tanta erba, una buca e un drive 3 sono tutto quello che si può desiderare quando ci si vuole rilassare.

Come già accennato, il golf è tra i più riusciti di questo titolo per due motivi.

Il primo è che un gioco perfettamente fruibile in solitario e non richiede il multiplayer per essere goduto al 100%.

Il secondo è che non avendo un’azione frenetica come gli altri (oddio usare frenetico e baseball nella stessa frase è lievemente assurdo) ti permette di soprassedere sulla scomodità dell’analogico riscontrabile negli altri giochi.

Sul sistema di controllo vanno spese altre due parole. La parte inferiore del 3ds è tutta dedicata al come colpire la pallina (contatto con la pallina, potenza e spin), rendendo il gioco anche molto tecnico. Anche l’ambiente influenzerà i nostri colpi e quindi bisogna sempre stare attenti al vento nel calibrare le nostre scelte.

Abbiamo due modalità di gioco: la prima è una modalità diretta molto semplice con percorsi da 9 buche, la seconda invece più “trickosa” in cui è richiesto di far passare la pallina attraverso dei cerchi disposti sul percorso.

Come già detto, il golf, prendendo a piene mani dalle esperienze pregresse, risulta essere uno dei giochi più completi e divertenti di Mario Sport Superstars, anche se paga la lieve ripetitività dovuta alle sole 36 buche presenti.

Mario Sports Superstars – Baseball

Mario Sports Baseball

Con un braccio del genere, Bowser dovrebbe fare fuori campo ad ogni turno di battuta

Non c’è nulla da fare…se non sei americano (al massimo giapponese) e con almeno 3 litri di birra in corpo non riesci a goderti il baseball.

A parte la mia naturale avversione per lo sport in sé, anche qui, come negli altri giochi, dopo un rapido tutorial (durato 5 minuti nel mio caso perché non sono capace a ribattere una palla), si viene catapultati nel “FAVOLOSO” mondo del diamante su terra battuta.

Per quanto riguarda la sezione “lancio” trovo i comandi ottimi e funzionali, con tantissime possibilità di gioco, dalla classica fastball alla fork, passando per colpi effettati e quindi coprendo tutto il repertorio che un gioco di baseball deve avere in questa fase.

In questa fase il problema più grande che posso riscontrare è la poca gestibilità dei giocatori difensivi con cui recuperare la palla in caso di battuta avversaria.

I problemi veri nascono in fase di “battuta”. Prendere la palla risulta veramente difficile (forse sarò io ormai troppo in là con gli anni e avrò i riflessi bacati), in quanto oltre alla tipologia di battuta (swing diretto, swing largo o bunt) dovremmo, attraverso l’uso dei comandi, anche modificare la zona di battuta rispondendo in lassi di tempo brevissimi alla tipologia di lancio effettuato dall’avversario. La maggior parte delle volte si finirà per effettuare dei foul o concedere degli strike su palle chiaramente destinate alla zona ball.

Anche qui, come negli altri giochi, presenti supercolpi che se effettuati al momento giusto permettono strike o fuoricampo quasi assicurati.

Mario Sports Superstars – Equitazione

Mario Sports Equitazione

In uscita prossimamente: Mario Agenzia di Scommesse

Super Mario Kart è uno dei più grandi successi della saga di Mario e in questo gioco di equitazione si vedono gli anni passati a migliorare uno dei più divertenti giochi di guida mai esistiti.

E il gioco di equitazione presente in Mario Sports Superstars attinge molto da questo titolo, ma a differenza di Mario Kart focalizza l’attenzione non tanto sulla skill del giocatore (e quindi sulla reattività), ma quanto sulla tattica nel cercare di conservare la stamina a livelli ottimali per non affaticare il cavallo, oltre al sapiente uso dei power-up che si trovano sui percorsi (da questo punto di vista potrebbe ricordare la corsa dei Chocobo di Final Fantasy 7).

Addirittura, per aumentare il livello strategico di questo gioco, è stato inserito all’interno una meccanica che ricalca l’effetto traino che si ha nel ciclismo, secondo il quale se non si tira il gruppo ma si rimane in scia si fa meno fatica e si riesce a recuperare stamina per gli sprint finali.

Da questo punto di vista reputo l’equitazione il migliore dei giochi presentati all’interno di Mario Sports Superstars, anche se anche qui qualche problemino legalo ai controlli lo possiamo trovare.

All’interno di questo gioco abbiamo un altro mini-gioco ossia la gestione dei cavalli.

Non solo dovremmo correre le gare con i nostri puledri, ma dovremmo coccolarli, pulirli e fargli fare le camminate, mentre gli diamo da mangiare carote, biada e farli bere dalle pozzanghere. Nei nostri giretti inoltre potremmo trovare item per la customizzazione del cavallo, oltre che monete necessarie per l’acquisto di figurine.

Conclusioni finali

A livello grafico siamo di fronte al solito buon lavoro, considerando sempre le limitate capacità hardware del 3ds, che oramai inizia ad avere una certa età. I giochi sono sempre fluidi, colorati e il character design della compagnia di Mario fa il resto e poi 5 giochi al prezzo di uno sono sempre cosa buona e giusta!

Ogni gioco ha una propria galleria di trofei da conquistare e giocando si possono accumulare monete che servono per comprare pacchetti di carte collezionabili.

Con ben 324 “figurine” da trovare ci sarà molto da “farmare” visto che i pacchetti base possono presentare duplicati. Per fortuna Nintendo ha pensato di fornire anche la possibilità di comprare pacchetti che non presentano duplicati (pacchetti speciali acquisibili scambiando 100 duplicati in nostro possesso). Utilizzabili anche gli Amiibo per ottenere giornalmente 3 pacchetti o addirittura carte Superstars.

Mario Sports Cards

Ce l’ho, ce l’ho, mi manca!

A livello di gameplay, chi più, chi meno, risultano essere tutti per le meno sufficienti (tennis, golf e equitazione sicuramente qualcosa di più della sufficienza, il calcio decisamente il peggiore), ma praticamente tutti risultano essere molto monotoni o comunque ripetitiv se giocati in single player, mentre quando si attiva il multiplayer, molti dei difetti descritti si lasciano da parte perché sicuramente il prodotto è stato pensato per essere giocato online con avversari umani (anche se onestamente ho fatto fatica a trovare avversari….sarà perché ci gioco alle 2 di notte???)

Proprio per questo motivo mi sarei aspettato di vedere un titolo del genere direttamente su Nintendo Switch, dove la possibilità del multiplayer locale con 2 joy-con sarebbe stato sicuramente un valore aggiunto di grandissimo impatto.

 

 

 

 

About Author

Spazia in tutti i campi dell'universo nerd: videogiochi, comics, manga, serie tv, board game, GDR senza tralasciare una vera e propria ossessione per il calcio (e il fantacalcio) e altri sport in maniera minore. Cosplayer a tempo perso, talvolta si ricorda anche di lavorare e molto più raramente di dormire.

2 commenti

    • Giuseppe "Siral" De Luca on

      Oddio, sai che è passato cosi’ tanto tempo che non ricordo neanche se sia possibile? Dovrei andare a rilanciare un po’ il gioco, ma a memoria mi pare non fosse possibile

Parlane con Playcorner!