Ieri è andato in “onda” un Direct su una delle IP più famose di casa Nintendo ossia Fire Emblem e il tutto è stato molto gustoso.

Fire Emblem Heroes

Il mercato dei giochi mobile ormai è una miniera d’oro e Nintendo non si poteva far sfuggire l’occasione ed ecco che ci viene presentato la prima trasposizione della saga Fire Emblem per Android/Ios (per Android già disponibile la preregistrazione nel link inserito). In uscita il 3 febbraio, il gioco, gratuito almeno di base, mescola il classico RPG strategico con il ben collaudato sistema di summon e levelling di eroi con moneta ottenibile con grandi sforzi gratuitamente o shoppando.

Fire Emblem Echoes: Shadow of Valentia

Fire Emblem Echoes è un progetto molto interessante. Basato sul gioco del 1992 Fire Emblem Gaiden (esclusiva del Giappone fino ad oggi), uscirà su 3DS in aprile nel Sol Levante e il 19 maggio nel resto del mondo. Non sarà una mera conversione del titolo originale, ma una specie di upgrade con tecnologia Amiibo annessa e nuovi dungeon stracolmi di nemici da esplorare.

Fire Emblem Warriors

Fire Emblem Warriors è il titolo che tra quelli presentati mi ha impressionato meno, forse perché appartiene al genere Musou (genere action in cui il vostro personaggio affronterà decine e decine di nemici tutti insieme fino ad arrivare a combattimenti contro boss più impegnativi, vedere la saga Dinasty Warriors o il più recente Hyrule Warriors). Sviluppato dallo stesso team che ha portato in vita per l’appunto Hyrule Warriors, il gioco è previsto sia per 3DS che per Nintendo Switch in autunno.

Fire Emblem: Radiant Dawn

Fire Emblem: Radiant Dawn è forse uno dei titoli più famosi della saga (personalmente il primo titolo di questa serie a cui ho giocato) e verrà portato con veste completamente rinnovata su Nintendo Switch purtroppo solo nel 2018.

Vi lascio al video di presentazione ufficiale dal canale Nintendo

About Author

Spazia in tutti i campi dell'universo nerd: videogiochi, comics, manga, serie tv, board game, GDR senza tralasciare una vera e propria ossessione per il calcio (e il fantacalcio) e altri sport in maniera minore. Cosplayer a tempo perso, talvolta si ricorda anche di lavorare e molto più raramente di dormire.

Parlane con Playcorner!