Sono passati diversi giorni dalla chiusura di Lucca Comics & Games 2016. Un’ edizione importante non solo per i cinquant’anni della manifestazione lucchese, ma anche per i nuovi record stabiliti in termini di affluenza e visitatori.

Una visibilità che ovviamente gli editori e distributori di giochi da tavolo non si sono fatti sfuggire, proponendo all’interno del padiglione Carducci una serie di novità davvero interessanti, sia in ambito “gamers” quanto in quello family. Grazie ad uno splendido gruppo di amici, ho avuto la possibilità di provare davvero tanto e, in tre giorni, farmi un ‘idea di quelli che saranno i grossi titoli di questi mesi.

In questo articoli farò una speciale classifica che, è sempre bene ribadirlo, si basa su SENSAZIONI avute durante i pochi turni che abbiamo potuto fare in fiera, e non si tratta ne di recensioni e tantomeno di giudizi definitivi…per quelli arriveranno le recensioni a tempo debito. Bando alle ciance e via con la classifica! (dove diavolo sono le vallette quando servono!)

5° – ULM  (dV Giochi)

fullsizerender-1

Se avete letto il mio speciale pre Lucca sicuramente sapete che questo era uno dei titoli su cui puntavo maggiormente, e  a conti fatti posso dirvi che il gioco non mi ha deluso. Spiegazione breve e chiara, sin dal primo turno ho avuto la sensazione di sapere cosa fare. Il cuore del gioco è la tanto chiacchierata griglia 3×3; il sistema ammetto che funziona piuttosto bene, e si innesta in maniera piuttosto precisa all’interno di un german non particolarmente complesso. Durata contenuta, e quel tocco di gestione della fortuna  che a me non dispiace minimamente, mi hanno convito all’acquisto. Inoltre, la cattedrale 3D è una piccola chicca che ho apprezzato. Dubbi? Si, qualcosa c’è: tabellone un po confusionario e una quantità di carte forse un po risicata. Detto questi mi ci dedicherò molto volentieri prima di una recensione più esaustiva.

4° – RAILROAD REVOLUTION (Red Glove)

fullsizerender-2

Altro titolo che aspettavo con ansia e che, anche in questo caso, non ha tradito minimamente le attese. Il gioco del simpatico duo Marco Canetta e Stefania Niccolini (con quest’ultima che è stata la dimostratrice della mia demo) è un eurogamer fatto e finito, con una struttura che ricorda molto da vicino quella di altri giochi realizzati da loro come Zhanguo. Lo scopo  è costruire le tratte ferroviarie nell’America del 1800, e contestualmente anche il telegrafo. Il gioco è un worker placement molto particolare in cui, oltre alla selezione delle azioni, bisogna ottimizzare la mano dei propri lavoratori per compiere azioni potenziate. Ovviamente il caos della fiera non ha aiutato molto nella comprensione di tutte le sfumature possibili (molto importante sembra la sezione dedicata al telegrafo), ma la sensazione è quella di un titolo che da il meglio di se dopo un paio di partite sulle spalle. La durata contenuta (da 45 a 90 minuti) è inoltre un plus in un titolo di questo spessore.

3° – LE CASE DELLA FOLLIA  (Asmodee Italia)

mansions-banner-1170x653

Faccio mea culpa e vi dico che, purtroppo, non ho mai giocato a Le Case della Follia originale; quale occasione migliore quindi per toccare con mano questo incredibile progetto? Partiamo da un presupposto: sono un super appassionati di Lovecraft e l’ambientazione è quindi a me super congeniale; questa premessa non ha fatto altro che avvicinarmi ulteriormente al tavolo di questo gioco e…cavolo, che figata! l’app è fantastica e, oltre ad abbattere quasi tutti i tempi morti, da una grossa mano anche nei setup e nell’organizzazione di ogni piccolo elemento della mappa. Il gioco scorre con molta narrazione e un sacco di azioni e combattimenti con dadi tipici dell’american game. Sono davvero soddisfatto e ovviamente non potevo non far rientrare questo titolo nella mia collezione. Unica pecca, così a pelle, è legata al fatto che all’interno della scatola base sono presenti unicamente 4 missioni; ennesimo titolo che verrà coperto da mille espansioni (esattamente come la prima edizione). Se siete amanti di american e collaborativi dategli un occhio.

2° – LORENZO IL MAGNIFICO (Cranio Creations)

fullsizerender-3

Una grandissima sorpresa. Ne avevo sentito parlare benissimo durante la fiera di Essen, e le copie disponibili allo stand di Cranio mi hanno spinto a provare il titolo. Pochi giri, ma subito grandi sensazioni. Il gioco è divertente, pieno di elementi che lasciano al giocatore la necessità di programmare le varie azioni (pensando già al turno successivo) e una gestione dei dadi molto interessante. Se siete amanti degli eurogame puri, questo è sicuramente uno di quei giochi che potrebbero regalarvi grandissime soddisfazioni. Vi posso anche dire che la voglia di completare la partita, una volta lasciato il tavolo, era davvero altissima; a questo aggiungiamo anche una qualità visiva ottima e soprattutto molto pulita. Davvero un gran lavoro.

1° – SCYTHE (Ghenos)

pic3163924

Ladies & Gentleman, ecco il vincitore della fiera di Lucca. Pur non trattandosi di una vera e propria novità assoluta (da qualche mese è disponibile la versione kickstarter, e molti giocatori hanno già avuto modo di provarlo), lo è per il nostro mercato, grazie alla perfetta localizzazione operata da Ghenos. Il titolo mescola in maniera sapiente i classici elementi gestionali german, ai combattimenti (senza dadi!) dell’american, con tanto di splendide miniature in plastica. Il gioco ha una profondità incredibile,e una volta entrati nel meccanismo, difficilmente riuscirete a staccarvi. Una durata non esagerata (circa 120 minuti) e una qualità dei materiali in generale davvero ottima, confermano quanto Stonemaier sia ormai una casa di assoluto spessore e rispetto all’interno del panorama dei boardgames. Aspettatevi una recensione a brevissimo!

L’angolo del family

Non può ovviamente mancare una mini classifica dedica al mercato dei giochi family. Un settore che sostanzialmente (come abbiamo visto con Pozioni Esplosive) fa da traino a tutto il settore, per quanto riguarda la quantità di titoli venduti. Qui vi riporto i tre migliori che ho potuto provare in quel di Lucca.

3° – TZULAN QUEST (Red Glove)

tzulan-quest

Party game simpatico e divertente, pieno di bluff e cattiverie verso gli altri giocatori (mai cattive quanto quelle di Vodoo, sia chiaro!) che da il meglio di se in partite a pieno carico. La durata contenuta e una grafica accattivante, chiudo il cerchio di un titolo che può essere tirato fuori tranquillamente in serate poco impegnative con amici neofiti.

2° – 13 INDIZI (dV Giochi)

fullsizerender-4

Ma che spasso questo 13 Indizi! giochi di deduzione estremamente light, in cui i giocatori devono cercare di scoprire un assassino, il luogo del delitto e l’arma utilizzata. No, tranquilli, non è una versione rivisitata di Cluedo, ma piuttosto un gioco con regole semplici, un pizzico d’astuzia e il giusto grado di tensione. Da giocare con chiunque. Segnatevelo.

1° – DRAGON PETS (Pendragon)

fullsizerender

Quello di cui sapevo meno è diventato il mio titolo family preferito della fiera. Catturare e accoppiare draghi è stato davvero uno spasso, grazie anche ad una meccanica davvero particolare e ricca  di spunti interessanti. Quello che mi ha colpito di più di questo Dragon Pets è la sua natura ibrida: giocabilissimo da tutta la famiglia, ma allo stesso tempo con elementi in grado di soddisfare i “veri giocatori”. La ciliegina sulla torta è una grafica cartoon che ho trovato davvero azzeccata e molto cartoon. Appena disponibile sul mercato (a Lucca era in anteprima) dategli una possibilità, non ve ne pentirete!

About Author

Giocatore onnivoro. Amante dei boardgame anche se non vince mai. Un amore smisurato per il cinema. Insomma, ho tutte le malattie di questo mondo. Con tanta dedizione, ed un po di culo, sono riuscito a farlo diventare il mio lavoro. Qui però posso sproloquiare alla grande.

Parlane con Playcorner!