Ed è arrivato anche il turno di Doctor Strange.

Ultimo prodotto del Marvel Cinematic Universe, lo Stregone Supremo fa il suo esordio sul grande schermo.

Doctor Strange aveva tante cose da dare al suo debutto nel Marvel Cinematic Universe: innanzitutto doveva introdurre l’elemento “magia” finora solo accennato vagamente nei film di Thor come “qualcosa che la scienza non può spiegare”, poi doveva introdurre il multiverso e soprattutto doveva essere un buon film d’azione che funzionasse da solo.

E per fugarci ogni dubbio, il film di Derikkson non delude le aspettative.

La storia ci narra la vita del dottor Stephen Strange (Benedict Cumberbatch), un famoso neurochirurgo tanto abile quanto arrogante ed egocentrico.

Dopo un terribile incidente d’auto che quasi lo priva dell’uso delle mani e dopo aver provato qualunque cura conosciuta alla scienza senza risultato, Strange si imbarca in un viaggio che lo porterà fin nella lontana India, a Kathmandu.

Qui incontrerà Mordo (Chiwetel Ejiofor) e soprattutto l’Antico (Tilda Swinton) che lo istruiranno nelle arti mistiche, con lo scopo di fermare il malvagio piano (ma va?) di Kaecilius (Mads Mikkelsen) che non solo porterebbe alla distruzione del mondo ma anche della realtà stessa per come la conosciamo.

Doctor Strange GIF

Roba forte insomma!

Doctor Strange è il primo film Marvel a introdurre la magia come elemento centrale, e lo fa in maniera decisamente epica e imponente.

L’elemento mistico viene contestualizzato alla perfezione, supportato da un comparto visivo come non si era mai visto prima.

Da una New York che letteralmente si piega e viene plasmata dalle arti mistiche fino alla rappresentazione allucinogena del multiverso che rimanda alla perfezione ai fumetti degli anni ’70, Doctor Strange è un’orgia visiva di puro divertimento. Veramente uno spettacolo per gli occhi (e dai, a sto giro da anche un senso al tanto vituperato 3D).

Ma oltre la CGI e gli effetti speciali c’è di più.

Doctor Strange GIF 02

Il fatto di essere un film di origini costringe la pellicola a svilupparsi in modo molto lineare (e qui forse, ma forse, si poteva osare qualcosina di più) senza però annoiare lo spettatore.

In questo sicuramente d’aiuto il cast veramente eccezionale. Non voglio gettarmi in lodi sperticate ma Cumberbatch insieme a Downey Junior è probabilmente la miglior scelta di casting di tutti i film della Casa delle Idee. Inoltre, senza voler entrare nel merito delle polemiche razziali che hanno occupato fin troppo spazio nel periodo di produzione della pellicola, una menzione speciale va sicuramente a Tilda Swinton, assolutamente perfetta e capace di rubare la scena a tutti ad ogni presenza sullo schermo.

Dal punto di vista dei villain purtroppo c’è da registrare l’ennesimo cattivone sottotono. Kaecilius infatti, pur con l’ottima interpretazione di Mikkelsen non riesce ad essere effettivamente minaccioso come ci si aspetterebbe. Discorso diverso per Dormammu, ma questa è un’altra storia.

Come detto, Strange aveva il difficile compito di conciliare un film sulle origini di un supereroe e nello stesso tempo inserirlo e contestualizzarlo in una macchina già collaudata e oliata quasi alla perfezione quale il mondo cinematografico della Marvel.

E anche qui possiamo dire che Derrikson se la cava alla grande, confezionando un prodotto che si regge tranquillamente sulle sue gambe senza però disdegnare riferimenti più o meno velati a quanto successo finora nel mondo cinematografico della Marvel.

Ho perso il conto dei riferimenti più o meno espliciti agli altri film del MCU che faranno sicuramente felici i fan. Da notare inoltre che Strange è probabilmente il film di origini più fedele fra quelli proposti finora e l’inserimento di molti elementi tipici quali l’Occhio di Agamotto e la Cappa della Levitazione faranno la felicità dei fan del fumetto.

Doctor Strange GIF 03

Per concludere Strange è senza dubbio un prodotto validissimo con alcune controindicazioni.

Il tono della pellicola infatti è in linea con le produzioni precedenti, il che vuol dire che se siete allergici a battute e momenti di puro divertimento forse storcerete il naso, al contrario se cercate un paio d’ore di svago e di libidine visiva avete trovato quello che fa al caso vostro.

Io intanto salgo sul trenino di Ortolani e vi aspetto!

Doctor Strange 01

About Author

Onnivoro fumettofilo. Appassionato di cinema horror e di Hitchcock. Videogiocatore da divano. Gli piaccioni i mostri.

Parlane con Playcorner!