Sfogliando la pagina dei giochi in uscita su Steam ho notato, oltre alle grandi uscite che spero di trattare quanto prima sul blog, un titolo originale e divertente chiamato Okhlos, sviluppato dalla software house Coffee Powered Machine in collaborazione con l’editore Devolver Digital.

Il medesimo, venduto al modico  prezzo di 12,99€, è praticamente la somma perfetta di tutte le mie passioni: miti greci e grafica 8-bit. Al posto però di impersonare un famoso guerriero, questa volta mi è toccato prendere le redini di uno dei tanti filosofi del tempo, stanco di dover sopportare le angherie degli dei dell’Olimpo.

Dialettica e retorica non sono mai stati tanto efficaci contro le divinità, pertanto il nostro alter ego vestito di toga ha ben pensato di capeggiare una folla inferocita di cittadini attraverso una serie di città famose della Grecia, distruggendo qualunque ostacolo si pari fra loro e l’obiettivo. Si può chiedere di più?

CLICKBAIT ALL’ENNESIMA POTENZA!

A differenza dei soliti giochi di avventura, Okhlos rivoluziona le regole ed imposta un ritmo molto più frenetico, chiedendo al giocatore di guidare un manipolo di cittadini reclutabili nel mondo di gioco, ognuno con un particolare ruolo che andrà ad incrementare i parametri di gestione della folla. I guerrieri ed i difensori sono le macchine da guerra più utili per potenziare attacco e difesa, gli schiavi permettono di trasportare i power-up trovati nel gioco mentre invece, non ultime per importanza, le unità eroiche accompagneranno la vostra folla sviluppando alcuni parametri speciali, come la velocità, i punti vita ed il morale.

È  importante riuscire a trovare un minimo comun denominatore per rappresentare una reale minaccia, ed in molti casi mi sono trovato nella situazione di preferire eroi in grado di aumentare il totale di cittadini reclutabili, piuttosto che invece potenziare attacco o difesa. Anche il morale aiuta molto la gestione, se non altro perché tale parametro determina la pericolosità dell’orda, utile per distruggere edifici presenti nella mappa e trovare aree nascoste.

Il mondo di gioco è suddiviso in arene, riprodotte come porzioni di città, dove il vostro compito sarà quello di sconfiggere le unità nemiche presenti, rappresentate da un’icona a forma di teschio, per poter procedere a quella successiva. Inizialmente sembrerà tutto piuttosto semplice, ma andando avanti lo scontro sarà sempre più difficoltoso per via delle mosse speciali che avranno a loro disposizione.

Ogni macro-area può nascondere delle zone segrete dove affrontare nemici speciali (come il Cinghiale di Celidonia o l’Oracolo di Delfi) ma tenete bene a mente che il boss di fine area sarà una delle divinità del pantheon greco. La loro pericolosità consiste nella maggior parte dei casi nel potere di diminuire drasticamente il morale della folla, motivo che vi farà perdere discepoli decretando inevitabilmente la vostra sconfitta.

AGORAFOBIA!

La grafica da retro game, supportata da un’ottima colonna ricca di pathos, fa sì che il titolo venga particolarmente apprezzato dagli amanti del genere. La sua velocità lo rende inoltre molto leggero da giocare, l’insieme di regole utilizzate dagli sviluppatori per comporre le meccaniche del gameplay sono semplici da imparare, pertanto l’unico punto fermo che dovrete tenere in considerazione sarà quello scegliere prudentemente gli eroi da sbloccare per rendere più o meno efficace le vostre tattiche di ingaggio.

Anche la configurazione dei comandi è prettamente basilare e ridotta all’osso: il tasto sinistro vi servirà per attaccare i nemici, quello destro sarà utile a parare gli attacchi mentre il tasto Maiuscolo vi servirà per far correre il vostro alter-ego. Tramite la barra spaziatrice, invece, potrete fare in modo che la folla si raccolga in un solo punto (nb. tenete bene a mente questa possibilità, perché alcuni nemici fanno attacchi su linea retta e sono particolarmente letali).

La voglia di sbloccare nuovi eroi vi terrà incollati allo schermo!

Prima di concludere vi ricordo che i vostri eroi potrebbero fare una brutta fine durante la vostra permanenza per le strade della Grecia, ma sappiate che torneranno automaticamente in vita una volta che avrete sconfitto il boss di fine aria. Alla fine di ogni run vi verrà indicato il punteggio ottenuto e gli eventuali goodies sbloccati.


Pipboy Ok

Girovagare per la Grecia è stato sfiancante, ma divertente. Il gioco a mio avviso vale la candela, la software house si è data da fare per sviluppare un prodotto accattivante e simpatico, coadiuvato dalla grafica old-generation che gli regala quel tocco di “vecchio” utile a risvegliare qualche momento romantico nei giocatori della mia età. Per me è un titolo consigliatissimo!!

70%
70%
Vicarieggiante!

Bello bello in modo assurdo!

  • Voto Finale
    7
  • User Ratings (0 Votes)
    0

About Author

Videogiocatore sin dalla tenera età, ha cominciato il suo viaggio dalle console di vecchissima generazione per approdare al PC Gaming più estremo. Fedele sostenitore del retrogaming, ama gli RPG e gli RTS e cerca, allo stesso tempo, di diversificare la sua dieta con generi sempre diversi di videogiochi.

1 commento

  1. Daniele Orpianesi on

    Ho Avuto modo di vederlo giocare ad un Amico ……IL CAOS più completo, ma decisamente divertente per essere un gioco ad 8bit, per non parlare della possibilità di ricominciarlo più volte per sbloccare i nuovi eroi e livelli segreti, mi sembra decisamente interessante.

Parlane con Playcorner!