E cosi anche quest’anno è arrivato l’autunno. I bambini tornano a scuola, le serie tv ricominciano e i giochi sportivi rientrano a gamba tesa nel mercato videoludico, tra cui rientra anche NBA 2k 2018.

I ragazzi di Visual Concepts saranno riusciti nell’impresa di migliorare il già ottimo NBA 2017?

Fra interessanti novità e piacevoli ritorni dal passato andiamo a scoprirlo!

WHERE AMAZING HAPPENS!

Dopo una breve schermata di caricamento che ci mostra Kyrie Irving in tutto lo splendore della sua nuova casacca Celtic è tempo di scegliere come affrontare questo nuovo NBA 2k 2018 e le opzioni, come al solito, sono davvero molte.

La prima opzione ci permette di giocare una partita veloce e già qui abbiamo l’imbarazzo della scelta. Oltre alla classica partita (dove a differenza degli ultimi anni potremo già utilizzare anche alcune squadre storiche dell’NBA fra cui i Raptors di Vince Carter, scelta a dir poco obbligata per un pò di showtime) potremo anche giocare online, affrontare il tutorial nella modalità 2KU e soprattutto ritroviamo la modalità Blacktop.

Dall’1vs1 al 5vs5 ecco che potremo tornare sui campetti di periferia a fare i bulletti per arrivare a 21 e vincere la partita.

Arriviamo però alla novità più gustosa introdotta da NBA 2k 2018 e cioè la modalità La mia carriera.

Road to 99 (la strada verso il 99, punteggio massimo delle caratteristiche raggiungibili dal nostro alter ego virtuale) è infatti il punto forte del titolo 2K di quest’anno.

Questa modalità vi metterà nei panni del giovin DJ (nome D cognome J mi raccomando) nella sua ascesa nello sfavillante mondo dell’NBA a partire dal campetto di un torneo 3vs3 alle luci della ribalta dell’All Star Game.

Dopo l’iniziale creazione del personaggio, semplificata almeno dal punto di vista della personalizzazione facciale rispetto agli anni scorsi ma che può giovare della funzione di face scan disponibile sull’app mobile che darà le vostre fattezze a DJ, dove andremo a scegliere le caratteristiche di gioco e quella fisiche (con un appropriato “Shaq for scale” per confrontare le misure del nostro giocatore) è tempo di dimostrare la nostra abilità sul parquet.

A seguito di un torneo 3vs3 verremo infatti contattati da un team NBA che deciderà di darci un’opportunità di sfondare fra quelli che contano davvero, ci troveremo a gestire completamente l’attività del nostro DJ, dagli allenamenti per migliorare le nostre prestazioni (e ottenere i tanti agognati badge di specializzazione), alle interazioni con i compagni, con la stampa e con il nostro manager.

NBA 2k 2018 ALLENAMENTO

It’s a long way to the top

Tutto questo è ambientato in un vero e proprio quartiere da esplorare gironzolando a piedi e interagendo con le varie strutture disponibili man mano che si procede nella nostra avventura sportiva. Potremo cosi fare un salto da Foot Locker, dove sarà possibile personalizzare le nostre scarpe sia per le partite che per le interminabili passeggiate che dovremo affrontare durante la carriera, oppure dal barbiere per dare una spolverata al nostro look fino ad arrivare al tatuatore, perchè essere tamarri è sempre un valore aggiunto.

Tornando alle altre modalità di gioco, ritroviamo IL MIO GM / LA MIA LEGA, la parte più gestionale di 2K18 dove potremo gestire a livello manageriale un intero franchise NBA o l’intera Lega per un’annata intera fino ad arrivare alla classica modalità della stagione, in cui condurremo la nostra squadra preferita attraverso le 82 partite della regular season.

Troppe partite? Potete sempre scegliere di giocare solamente i playoff o addittura direttamente le partite delle Finals.

Da segnalare inoltre la presenza della modalità “Inizia oggi” che però al momento non è ancora disponibile. Perchè direte voi? Perchè selezionandola potrete giocare un’intera stagione passo passo seguendo la vera stagione NBA, con roster, statistiche e anche infortuni aggiornate in tempo reale. Più di cosi davvero, vi manca solo un Lucano!

NBA 2k 2018 PLAYGROUND

Dacci dentro ragazzo!

A corredo di tutto questo ben di dio, rimane un comparto di Opzioni che al solito non si fa mancare nulla. Dalla possibilità di modificare l’aspetto del nostro giocatore nella modalità carriera, passando per la personalizzazione della colonna sonora, fino a poter creare da zero un giocatore o addirittura l’intero roster di una squadra c’è davvero tanta carne al fuoco per questa nuova edizione NBA 2k 2018.

IT’S ALL ABOUT THE LOVE OF THE GAME

Ma è davvero tutto oro quello che luccica? Diciamo di si anche se qualche accorgimento in più avrebbe giovato in termini di fruibilità al titolo di Visual Concepts.

Partendo dal gameplay, NBA 2k 2018 si rivela assolutamente inappuntabile, rimanendo un titolo di certo non facile da padroneggiare ma che appaga il giocatore disposto ad apprendere pazientemente le meccaniche di gioco e la padronanza di schemi che possono disorientare ad un primo approccio.

Scordatevi quindi di prendere la palla e correre dritto verso il canestro per effettuare spettacolari schiacciate (a meno che non giocate a livello Matricola, ma in questo caso siete davvero delle brutte persone…). Ogni blocco, schema e taglia fuori effettuato come si deve infatti andrà conquistato pian piano, non risultando però mai frustrante in una scala di apprendimento che riesce a tenere incollato il giocatore al joypad senza cadere in depressioni dovute al fallimento di un pick n roll o senza facili esaltazioni grazie all’ affondo in una difesa di burro.

Anche l’intelligenza artificiale ha subito un grosso miglioramento, adattandosi in base a chi si trova contro e agendo di conseguenza. Avete portato il vostro lungo dietro la linea da 3 punti per un impavido tentativo? Di certo non verrete marcati in maniera asfissiante. Dwight Howard è in lunetta? L’attenzione su un probabile rimbalzo dopo il tiro libero sarà maggiore. State giocando utilizzando Lebron? Ecco che la difesa estrarrà da sotto le canotte dei razzi anti-uomo. Come? Si ok forse ho esagerato un pò… 

Ma è la modalità Carriera che è la vera croce e delizia di questa edizione di 2K18.

Se da un lato infatti il viaggio che faremo insieme a DJ per portarlo da panchinaro professionista (3 partite senza vedere il campo! MISTER EDDAI!) a superstar mondiale si dimostra davvero divertente e variegata, alcuni accorgimenti avrebbero giovato all’intera modalità.

 

NBA 2k 2018 PANCHINA

“Mister, entriamo adesso?” “NO!”

A cominciare dalle interminabili camminate che dovremo affrontare per raggiungere le varie location, se per le prime ore di gioco è anche divertente gironzolare nel quartiere, ben presto vi ritroverete a sbuffare all’idea di dover sopportare l’ennesimo caricamento per attraversare la strada e ritrovarvi per l’ennesima volta in quello che è a tutti gli effetti una complicazione di quello che poteva essere gestito con un semplice menu gestionale.

Oltre a questo anche le lunghe chiacchierate, spesso non indispensabili per proseguire la storia, risultano stranamente non skippabili costringendoci a lunghe attese prima di poter imbracciare l’amata palla a spicchi.

Certo, sono piccolezze rispetto ad un titolo che vi garantirà ore ed ore di appassionanti sfide sul parquet ma sono proprio questi piccoli accorgimenti che lasciano NBA 2k 2018 nella categoria dei giochi eccellenti senza però raggiungere la lode.

Questo non va certo a discapito di un giudizio finale che rimane assolutamente positivo. Se siete dotati di pollici opponibili e amate il basket anche quest’anno NBA 2k 2018 è quello che fa per voi. THIS IS WHY WE PLAY!

____________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

PRO: NBA 2K 2018 si rivela anche quest’anno una scelta obbligata per chi ama il basket e i videogiochi. Dal gameplay solido unito ad una marea di opzjoni, 2k18 saprà tenervi compagnia per molte, molte ore di divertimento. 
CONTRO: qualche scelta discutibile, soprattutto nella modalità Carriera, rischiano di minare un gioco altrimenti impeccabile.

About Author

Onnivoro fumettofilo. Appassionato di cinema horror e di Hitchcock. Videogiocatore da divano. Gli piaccioni i mostri.

Parlane con Playcorner!