Iron Fist Cover

Aspettando The Defenders: chi è Iron Fist?

Marvel Premiere CoverA differenza di molti altri personaggi celebri della Marvel, creati dalla penna di Stan Lee, il personaggio di Iron Fist (vero nome all’anagrafe Daniel Thomas “Danny” Rand-K’ai) è stato creato da Roy Thomas, seguendo l’onda del successo cinematografico legato ai film di arti marziali. La sua prima apparizione fumettistica risale al 1974, più precisamente all’interno della serie antologica intitolata Marvel Premiere.

Primogenito del magnante dell’imprenditoria Wendell Rand, il buon Danny partì per una spedizione in Tibet alla veneranda età di nove anni, seguendo i genitori in quella che si sarebbe rivelata una vacanza pronta a cambiare la sua vita. Durante la scalata del monte Himalaya, il socio in affari del padre Harold Meachum uccide quest’ultimo, scatenando una serie di eventi tragici che portarono, per di più, alla morte della madre per mano di un branco di lupi.

Solo, spaventato e infreddolito viene poi trovato da una pattuglia di arcieri di K’un-L’un, venendo solo in seguito condotto all’omonima città nascosta nelle montagne, dove impara tutti i segreti del Kung Fu, diventando il supereroe che conosciamo con il nome di Pugno d’Acciaio.

Ma in che modo i suoi pugni hanno influenzato il mondo della casa delle idee? Scopriamolo insieme.

Curiosità sulle Origini

Come scritto qualche riga sopra, il personaggio di Iron Fist deve i suoi natali alla fissazione degli americani per i film orientali sulle arti marziali. Roy Thomas ha infatti affermato più volte di essersi ispirato ad un personaggio creato negli anni ‘40, tale Amazing Man, nonché di aver preso spunto sul nome da uno dei tanti film di kung fu da lui visti, dove in effetti compariva una specie di cerimonia chiamata “del pugno d’acciaio”.

Il nome di Iron Fist piacque da subito a Stan Lee, il quale decise di inserirlo nella serie Marvel Premiere per un ciclo di dieci numeri. Il successo fece decidere l’editore ad assegnargli una testata omonima nel 1975, facendolo comparire simultaneamente in altre serie come Deadly Hands of Kung-fu e Marvel Team-Up.

Come accaduto con Luke Cage, però, anche il ciclo di Iron Fist subì un repentino calo di vendite e popolarità, legato sicuramente a doppia mandata al contesto che gli diede la fama, motivo che ne vide lo spostamento inevitabile nella serie legata a Power Man, meglio rafforzata nel 1978 con il team-up Power Man and Iron Fist.

Sarà poi James Owsley a dargli la morte, da lui stesso definita come insensata, solo per vederlo tornare nel vivo degli anni ’90, grazie ad un ciclo di storie editoriale dedicate a Namor the Sub-Mariner.

Tante comparsate, più o meno importanti, sino a giungere alla Marvel NOW! con la nuova testata omonima Iron Fist: The Living Weapon.

Conosco il Kung Fu. Dimostramelo!

Durante tutta una serie di maxi eventi Marvel, Iron Fist ha prestato il suo pugno a diverse formazioni (oltre alla più nota Heroes for Hire), difendendo il quartiere di Hell’s Kitchen dai supercriminali che la tormentavano. Durante la Civil War si trovò costretto a combattere Kingpin, vestendo addirittura i panni di Daredevil quando la vera identità dell’eroe venne resa pubblica dai piani ben orchestrati del criminale.

Schieratosi con la fazione degli eroi sfavorevoli all’atto di registrazione, verrà addirittura imprigionato nella Zona Negativa, salvo poi venir liberato per prendere parte allo scontro finale fra le due fazioni.

Durante l’evento Assedio si schiera con i Nuovi Vendicatori, mentre durante la guerra con gli X-Men si adopererà ad istruire Hope Summers sul come sconfiggere la Fenice in arrivo sulla terra. Esistono parecchie versioni alternative del personaggio, tante quanti sono gli universi creati dalla casa delle idee, ma si può tranquillamente affermare che quest’ultimo è sempre stato vicino a Luke Cage (in un modo, o nell’altro).

Iron Fist Power Man Coppia
Siamo la coppia, più bella, del mondo!

Uatcha!

L’arrivo sul piccolo schermo con la serie omonima ha permesso di chiudere il cerchio sui supereroi legati a Daredevil, restituendoci a tutti gli effetti uno spaccato alternativo che, come si può immaginare, ha ben poco a che fare con il fumetto.

In questo caso Meachum assolda i ninja della Mano per uccidere il padre di Danny, stringendo dunque un accordo con Madame Gao per guidare la società alla conquista della città. Il suo incontro con Luke Cage avviene sempre per mano di Claire Temple, ormai un collante consolidato nel tempo che agisce tra i quattro supereroi facendoli praticamente vorticare l’uno intorno all’altro.

Come si traduce questo nella serie tv? Non saprei. Sembra che i Difensori siano piuttosto un agglomerato di eroi che riprende un nome famoso dell’universo fumettistico Marvel, senza però rimanere fedeli alla formazione originale. C’è una bella differenza tra Hulk/Strange/Namor e questi quattro ragazzetti!

Aspettando The Defenders: chi è Luke Cage?

Aspettando The Defenders: chi è Jessica Jones?

Aspettando The Defenders: chi è Daredevil?

Autore dell'articolo: Simone Rampazzi

Videogiocatore sin dalla tenera età, ha cominciato il suo viaggio dalle console di vecchissima generazione per approdare al PC Gaming più estremo. Fedele sostenitore del retrogaming, ama gli RPG e gli RTS e cerca, allo stesso tempo, di diversificare la sua dieta con generi sempre diversi di videogiochi.