Gli eSports alle Olimpiadi? Paris 2024 ci pensa!

Gli eSports potrebbero riuscire in quello in cui per tanti anni gli scacchi hanno fallito: approdare alle Olimpiadi.

Pare infatti che il sito Esports Insider abbia rivelato che si stiano facendo dei primi summit con l’International Olympic Committee per discutere dell’inserimento del “professional gaming” all’interno del programma olimpico.

A quanto pare gli organizzatori di Paris 2024 si sono mostrati aperti al dialogo, vedendo nel progetto la possibilità di avvicinare soprattutto i ragazzi alle Olimpiadi, anche se alla fine la parola finale spetta solo al Comitato Internazionale.

Pronti per competere per le medaglie d’oro negli eSports?

La decisione del Comitato Internazionale terrà conto di molti fattori, anche perchè è stato già annunciato che in altri avvenimenti a livello continentale come gli Asian Games in Cina del 2022, sotto l’egida dell’Olympic Council of Asia, gli eSports saranno riconosciuti come eventi da medaglia.

Anche negli Asian Games in Indonesia del 2018 saranno presenti nel programma, ma non saranno eventi ufficiali, ma considerando che il programma di Paris 2024 sarà finalizzato entro il 2020, i giochi indonesiani saranno un ottimo banco di prova per capire la reale “grandezza” degli eSports.

Bisogna tenere conto del fatto che molti paesi (ultimo la Finlandia) stanno iniziando a riconoscere i videogiocatori professionisti come atleti (anche se bisogna dire che lo fanno più per un tornaconto fiscale che per altro).

Ma gli eSports hanno le caratteristiche per essere considerati uno sport olimpico?

Il termine sport nella terminologia olimpica si riferisce a tutti gli eventi che sono regolati da una federazione sportiva internazionale, una definizione che può risultare differente dal significato comune della parola sport.

Da questo punto di vista gli eSports non dovrebbero risultare in difetto visto che ci sono grandi leghe che stanno iniziando a formarsi e potrebbero tranquillamente istituire una federazione sportiva internazionale.

Invece per sport si intende l’insieme di attività fisiche effettuate per fini salutistici, formativi e competitivi, e con il termine «sport» si indicano tutte le discipline fisiche in tutte le loro forme e fini.

A questo punto ci rimane da chiedere se gli eSports sono inquadrabili come disciplina fisica, senza intendere per forza litri e litri di sudore o immane sforzo fisico come possono essere una maratona o una 1500m in vasca, ma se pensiamo ad esempio al tiro con l’arco (sport di altissima precisione) o il tiro al piattello (sport di precisione e coordinazione, nonchè riflessi) possiamo sicuramente affermare che un gioco come Overwatch rientra tranquillamente in questa tipologia di attività.

A questo punto non ci rimane che aspettare le decisioni del Comitato Olimpico, sapendo che se non dovessero riuscire neanche nel 2024 a Parigi ad essere presenti, gli eSports potrebbero avere una grandissima chance nella probabilissima sede del 2028 Los Angeles, capitale dello show business per eccellenza.

 

Autore dell'articolo: Giuseppe "Siral" De Luca

Spazia in tutti i campi dell'universo nerd: videogiochi, comics, manga, serie tv, board game, GDR senza tralasciare una vera e propria ossessione per il calcio (e il fantacalcio) e altri sport in maniera minore. Cosplayer a tempo perso, talvolta si ricorda anche di lavorare e molto più raramente di dormire.